Borsainside.com

Borse Asia-Pacifico positive, in luce bancari e minerari

L'Hang Seng ha guadagnato l'1,5%, lo Shanghai Composite il 2,1%.

Tutte le principali borse della regione Asia-Pacifico hanno chiuso oggi in rialzo.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

L'Hang Seng ad Hong Kong ha guadagnato l'1,5% a 24.123,17 punti. In luce i bancari. Il presidente di Bank of China (CN000A0J3PX9) ha dichiarato ieri che il suo gruppo ha ridotto la sua esposizione sul mercato dei mutui subprime e di attendersi una solida crescita degli utili per il 2007. In seguito alla notizia il titolo della grande banca cinese si è apprezzato del 7,8% a HKD 3,30. Sulla scia di Bank of China HSBC (GB0005405286) ha guadagnato l'1,6%, Hang Seng Bank (HK0011000095) l'1,8%, BoC Holdings (HK2388011192) l'1,7% e Bank of Communications (CN000A0ERWC7) il 4,7%. In spolvero China Southern Airlines (CN0009084145): +5,3% a HKD 8,08. La linea aerea ha annunciato che a gennaio il suo traffico passeggeri è aumentato da anno ad anno del 18,9%.

Lo Shanghai Composite ha chiuso in rialzo del 2,1% a 4.664,30 punti. Si è trattato della quarta seduta di fila positiva per il listino cinese. La Borsa di Shanghai ha continuato a beneficare della decisione della China Securities Regulatory Commission (abbr. CSRC), la Consob cinese, di approvare due nuovi fondi d'investimento. Neanche la notizia dell'aumento dei prezzi al consumo del 7,1% a gennaio ha potuto frenare gli acquisti. Tra le blue chips PetroChina (CN0009365379) ha guadagnato il 2,9% e Industrial and Commercial Bank (CN000A0LB42) il 2,5%. L'aumento dei prezzi dei principali metalli ha spinto i minerari. Yunnan Copper (CNE000000W13) ha guadagnato l'8,5% e Zhongjin Gold (CNE000001FM8) il 4,9%. Ancora bene il settore della siderurgia. Baoshan Iron & Steel (CNE0000015R4) ha guadagnato il 3,5% e Angang Steel (CNE000000SQ4) il 3,4%. I principali produttori giapponesi d'acciaio e Posco (KR7005490008) hanno raggiunto ieri un accordo con Vale (BRVALEACNPA3) su un aumento del prezzo del ferro del 65-71% a partire dal prossimo 1 aprile. Il mercato aveva temuto che l'aumento potesse essere di gran lunga maggiore.

Tra gli altri listini della regione l'indice S&P/ASX 200 a Sydney ha guadagnato l'1,1%, il Kospi a Seul l'1,4%, il Taiwan Weighted a Taipei l'1,7% e lo Straits Times a Singapore lo 0,5%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS