La Borsa di Tokyo rimbalza

Il Nikkei ha guadagnato il 6,4% ed il Topix il 5%.

CONDIVIDI
Dopo quattro sedute negative di fila la Borsa di Tokyo ha chiuso oggi in forte rialzo. Il Nikkei ha guadagnato il 6,4% a 7.621,92 punti ed il Topix il 5% a 784,03 punti. Il mercato azionario giapponese era fortemente ipervenduto. Il rimbalzo è stato favorito dalla ripresa del dollaro rispetto allo yen e dalla messa al bando da parte del Governo giapponese del cosiddetto "naked short selling" (la vendita di titoli allo scoperto senza averli nemmeno in prestito). Tra gli esportatori Toyota (JP3633400001) ha guadagnato il 7,8%, Honda (JP3854600008) il 14%, Canon (JP3242800005) il 7,6%, Panasonic (JP3866800000) il 12,1% e Sony (JP3435000009) il 9,6%. Tra i titoli dei produttori d'acciaio Nippon Steel (JP3381000003) ha guadagnato il 20,5%, Kobe Steel (JP3289800009) l'11,6% e JFE Holdings (JP3386030005) il 15,5%. Nel settore petrolifero Nippon Oil (JP3679700009) ha chiuso in rialzo dell'11,6% e Cosmo Oil (JP3298600002) del 5,1%. Nel settore del trasporto marittimo Mitsui O.S.K. Lines (JP3362700001) ha guadagnato il 9,5%, Kawasaki Kisen Kaisha (JP3223800008) il 3,1% e Nippon Yusen (JP3753000003) il 12,9%. Ancora male i bancari. Mitsubishi UFJ Financial (JP3902900004) ha perso il 5,5%, Mizuho Financial Group (JP3885780001) il 6,6% e Sumitomo Mitsui Financial Group (JP3890350006) il 13%. Mitsubishi UFJ Financial ha confermato ieri di aver l'intenzione di effettuare un importante aumento di capitale. Anche il settore immobiliare ha registrato una seduta molto negativa. Mitsui Fudosan (JP3893200000) ha perso il 15%, Mitsubishi Estate (JP3899600005) il 12,2% e Sumitomo Realty & Development (JP3409000001) il 12,2%. A causa dei problemi delle banche giapponesi le imprese immobiliari dovrebbero avere delle serie difficoltà a ricevere dei finanziamenti per dei nuovi progetti.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption