Crack alla Borsa di Dacca, esplode la rabbia dei piccoli investitori

CONDIVIDI
In Bangladesh è esplosa oggi la rabbia dei piccoli investitori. Nella sola capitale Dacca hanno manifestato migliaia di persone. Nel distretto finanziario ci sono stati dei violenti scontri con la polizia. Alcune automobili sono state bruciate, le vetrine di molti negozi sono andate in frantumi. Il DSE General ha perso ieri il 7,8%. Si è trattato della più forte perdita nella storia del principale indice della Borsa di Dacca. Oggi nella prima ora della seduta il DSE General è crollato di ben il 9,3%. Le autorità di borsa del Bangladesh hanno di conseguenza deciso di sospendere le contrattazioni. Il Ministro delle Finanze Abul Maal Abdul Muhith ha chiesto ai piccoli investitori di avere pazienza, il Governo avrebbe preso una serie di misure per stabilizzare il mercato. La Borsa di Dacca ha registrato negli ultimi anni degli eccezionali guadagni. Il DSE General si è apprezzato nel 2010 di quasi l'83% ed è stato uno dei migliori a livello mondiale. Di conseguenza l'investimento in azioni è diventato in Bangladesh molto popolare anche presso i piccoli risparmiatori. Alcuni di loro si sono fortemente indebitati per partecipare al rally. La correzione alla Borsa di Dacca è iniziata già lo scorso mese dopo che il Governo ha aumentato le riserve obbligatorie delle banche dal 5,5% al 6% per ridurre la pressione inflazionistica e raffreddare il mercato del credito.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption