La Borsa di Tokyo sale, Nikkei +1,2%

Anche il mercato azionario giapponese ha beneficiato dell'annuncio delle dimissioni di Berlusconi.

CONDIVIDI
La Borsa di Tokyo ha chiuso oggi in netto rialzo. Il Nikkei ha guadagnato l'1,2% a 8.755,44 punti e il Topix l'1,5% a 749,40 punti. A spingere gli acquisti è stato l'annuncio delle dimissioni del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. La notizia ha ridotto l'incertezza relativa alla situazione in Italia in un momento in cui la crisi del debito rischia di aggravarsi ulteriormente. Tra i bancari Mitsubishi UFJ Financial (JP3902900004) ha chiuso in rialzo dell'1,2%, Sumitomo Mitsui Financial Group (JP3890350006) dello 0,5% e Mizuho Financial Group (JP3885780001) dell'1%. Tra gli esportatori Toyota (JP3633400001) ha guadagnato l'1,6%, Honda (JP3854600008) l'1%, Canon (JP3242800005) l'1%, Panasonic (JP3866800000) l'1,9% e Sony (JP3435000009) il 3%. Isuzu Motors (JP3137200006) ha guadagnato il 4,5%. Il produttore di camion ha alzato le sue stime per l'intero esercizio.
Olympus (JP3201200007) ha perso un ulteriore 20,4%. Il gigante dei prodotti ottico-digitali ha ammesso che alcune controverse acquisizioni, tra cui quella della britannica Gyrus nel 2007, furono effettuate per coprire delle perdite su dei prodotti finanziari risalenti agli anni Novanta. Il titolo rischia ora il delisting. Nomura (JP3762600009) ha guadagnato il 4,1%. Il broker ha smentito le voci secondo cui sarebbe stato coinvolto nelle transazione effettuate da Olympus.
Tra i petroliferi Cosmo Oil (JP3298600002) ha guadagnato il 2,6% e Inpex (JP3294430008) il 3%. Il prezzo del petrolio ha chiuso ieri a New York ai massimi dalla fine dello scorso luglio.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption