Borsa di Mosca: In ripresa, Yukos può vendere petrolio

CONDIVIDI


Dopo il crack di ieri la borsa di Mosca si è potuta riprendere oggi un po' dopo che il Ministero della Giustizia russo ha precisato di non aver proibito a Yukos (US98849W1080) di vendere ed esportare petrolio. L'ordine emesso ieri dagli ufficiali giudiziari riguarderebbe solo la vendita di immobili e di assets. L'indice RTS-Interfax ha guadagnato l'1,6% a 526,64 punti. Yukos è rimbalzato del 13,2% ed ha chiuso a $,3,25. In ripresa anche tutti gli altri titoli principali: LUKoil (US6778621044) +1,7%, Surgutneftegas (US8688612048) +2%, Sibneft (US8257311022) +2,8% e Norilsk Nickel (US46626D1081) +2,6%. Bene anche Gazprom (US3682872078) che a San Pietroburgo ha registrato un rialzo del 2,7% a RUB 58,55.

A nostro avviso la seduta di oggi non va assolutamente sopravvalutata. Già domani la situazione potrebbe cambiare di nuovo. I conti di Yukos sono congelati. L'impresa ha bisogno di capitale per continuare le sue attività . Inoltre le autorità stanno continuando a lavorare al procedimento che dovrebbe portare alla vendita di Juganskneftegas, la principale unità produttiva di Yukos. Sarà molto difficile che Yukos possa continuare ad esistere nella sua attuale struttura.

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central!  Provo adesso >>

Conto Demo da 100.000€ – Inizia a fare trading con un conto demo gratuito su Broker Regolamentato. Inclusi 30 giorni di prova gratuita dei segnali di Trading Central! Provo adesso >>

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro