Borsa di Mosca: Crack del listino, pesa yukos

CONDIVIDI

Giornata nerissima per la borsa di Mosca. I nuovi sviluppi della vicenda Yukos (US98849W1080) hanno gettato oggi nel panico gli investitori nella capitale russa. Le vendite sono state pesantissime ed hanno colpito tutti i titoli del listino russo. L'indice RTS-Interfax ha perso il 5,9% a 518,15 punti. I volumi di scambio sono stati altissimi. La Giustizia russa ha ordinato di mettere fine a qualsiasi operazione che riguardi le proprietà e i beni dell'impresa. Secondo il diritto russo le "proprietà e i beni dell'impresa" comprenderebbero anche le unità produttive di Yukos. Ciò vuol dire che a Yukos non sarebbe più permesso di produrre e vendere petrolio. La notizia ha fatto schizzare il prezzo del greggio a dei nuovi record storici a Londra ed a New York. Yukos produce 1,7 milioni di barili al giorno, il 2% della produzione mondiale. Steven Theede, CEO di Yukos, ha affermato di non aver seguito l'ordine perchè a suo avviso le autorità avrebbero interpretato erratamente la legge. Theede ha dichiarato che Yukos non potrebbe avere presto più i mezzi finanziari per garantire le consegne di greggio tramite via ferroviaria. Intanto il Ministro della Giustizia russo Juri Tschaika ha confermato che Juganskneftegas, la principale unità produttiva di Yukos, sarà venduta per saldare il debito della società con il fisco. Secondo gli osservatori Rosneft (US7782002049) sarebbe la più probabile acquirente degli assets di Yukos. Igor Setschin, persona molto vicina al presidente russo Putin è stato nominato a capo del Consiglio di Amministrazione di Rosnef. In questo modo Putin starebbe preparando lo smantellamento di Yukos a suo vantaggio. La fine dell'impresa sembra essere molto vicina. Yukos potrebbe dichiarare presto bancarotta. Il titolo ha perso il 20,3% a $2,87. Nel baratro anche tutti i titoli degli altri giganti del petrolio: LUKoil (US6778621044) -5,3%, Surgutneftegas (US8688612048) -5,3 e Sibneft (US8257311022) -10%. Crollo anche per il titolo del colosso dei metalli Norilsk Nickel (US46626D1081): -10% a $45,9. Gazprom (US3682872078) a San Pietroburgo ha chiuso in ribasso del 3,4% a RUB 57.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro