Borse dell'Europa dell'Est: Mosca chiude stabile nonostante Yukos

CONDIVIDI
Tra le principali borse dell'Europa dell'Est solo Budapest ha chiuso oggi in rialzo. Praga e Varsavia hanno perso terreno mentre Mosca è rimasta stabile.

L'indice RTS-Interfax ha chiuso a Mosca stabile a 612,58 punti. Anche oggi i volumi di scambio sono stati bassi. Gli investitori non si sono lasciati influenzare negativamente dai nuovi sviluppi della famosa vicenda Yukos (Vedi: Petrolio: Yukos, che succede?). Ormai a Mosca il mercato è abituato a sorprese e continui capovolgimenti della situazione e per questo motivo non si lascia più impressionare facilmente. Yukos (US98849W1080) ha perso il 4,4% a $3,78. LUKoil (US6778621044) ha registrato un leggero ribasso: -0,2% a $29,75. Bene invece Sibneft (US8257311022): +3,1% a $3,29. Il gigante del petrolio francese Total (FR0000120271) ha confermato di essere in trattative per rilevare una quota per un valore di circa $1 miliardo di un'importante compagnia russa. Secondo le voci Sibneft potrebbe essere questa compagnia. Negli scorsi mesi sono già  più volte corsi i rumors di un interesse di Total a Sibneft.

Il BUX a Budapest ha chiuso in rialzo dello 0,2% a 12364,21 punti.

Il PX50 a Praga ha perso l'1,2% a 850,50 punti. Male oggi Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300): -3% a CZK 229,5.Il WIG a Varsavia ha chiuso in ribasso dello 0,3% a 25238,82 punti.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro