Cisco: Prossima la fine della fase di consolidamento?

Yukos (US98849W1080) ha perso oggi a Mosca il 25,7% a $0,55. Quello che una volta era l'orgoglio del listino russo è ora una penny-stock. Ieri le autorità hanno venduto all'asta forzatamente Yuganskneftegas, la principale unità produttiva dell'ex-collosso del petrolio. L'asta è stata vinta dal gruppo finanziario Baikal che ha offerto $9,348 miliardi. La stampa internazionale e gli analisti hanno speculato oggi su chi ci possa essere dietro questo misterioso gruppo, finora completamente sconosciuto. In molti hanno parlato di Gazprom (US3682872078), il colosso del gas ha smentito però nel tardo pomeriggio ogni contatto con Baikal. Gazprom ha chiuso a San Pietroburgo anche per questo motivo in ribasso del 3,2% a RUB 73,3. L'ipotesi più probabile è forse che dietro l'operazione si nasconda il Cremlino stesso. Secondo la casa d'investimento Troika Dialog Baikal non dovrebbe pagare il prezzo offerto per Yuganskneftegas. L'impresa cadrebbe in questo modo direttamente nelle mani dello stato che potrebbe in seguito venderla ad una società "amica" quando le acque intorno alla vicenda Yukos si saranno calmate.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS