eToro

Goldman Sachs: Il petrolio a 105 dollari al barile?

Tra le principali Borse dell'Europa dell'Est solo Varsavia ha chiuso oggi in rialzo. L'indice RTS-Interfax ha perso a Mosca l'1,4% a 665,33 punti. Secondo gli operatori sulla piazza finanziaria russa mancherebbero al momento soprattutto gli investitori stranieri. I timori legati ad un ulteriore aumento dei tassi d'interesse negli USA avrebbe aumentato le riserve riguardo un investimento in titoli russi. LUKoil (US6778621044) ha perso lo 0,9%, Surgutneftegas (US8688612048) il 2,3% e Norilsk Nickel (US46626D1081) l'1,3%. In calo anche Gazprom (US3682872078) a San Pietroburgo: -1% a RUB 80,50.

Il BUX a Budapest ha chiuso in ribasso dello 0,5% a 16772,25 punti. La seduta è stata tranquilla. Gli operatori hanno espresso il loro stupore sui bassi volumi di scambio. Solo fino a qualche settimana fa una tale riduzione delle attività sulla Borsa di Budapest sarebbe stata semplicemente impensabile. Il PX50 a Praga ha perso il 2,1% a 1137,20 punti. Cesky Telecom (CZ0009093209) ha perso il 3,3% a CZK 400,30. Sul titolo hanno pesato i timori legati ad un'eventuale rinvio dell'ulteriore privatizzazione dell'impresa da parte del Governo ceco.

Il WIG a Varsavia ha registrato un rialzo dello 0,4% a 27023,61 punti. Il listino è stato sostenuto dalla riduzione del tasso d'interesse da parte della Banca Centrale Polacca. La decisione ha messo le ali ai titoli bancari. BRE Bank (PLBRE0000012) ha guadagnato il 2,2% a KPN 126.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato