Borse dell'Europa dell'Est: Ancora bene Budapest

CONDIVIDI
Le principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi contrastate. Budapest e Varsavia hanno guadagnato terreno, Mosca è rimasta stabile, Praga ha invece chiuso in ribasso.

L'indice RTS-Interfax ha chiuso a Mosca invariato a 690,04 punti. I volumi di scambio sono aumentati rispetto a ieri ma i loro livello è rimasto piuttosto modesto. LUKoil (US6778621044) e Surgutneftegas (US8688612048) hanno chiuso stabili, Norilsk Nickel (US46626D1081) ha perso lo 0,4%. Male Gazprom (US3682872078) a San Pietroburgo: -1,3% a RUB 82.

Ancora una seduta positiva per il BUX a Budapest: +0,3% e nuovo record storico a 18734,66 punti. I volumi di scambio sono stati alti, gli operatori hanno parlato di un forte interesse da parte degli investitori internazionali soprattutto per Orszagos Takar Bank (HU0000061726) e MOL (HU0000068952). Le due blue chips hanno guadagnato rispettivamente l'1,9% e lo 0,8%.

Il PX50 a Praga ha perso l'1,3% a 1213 punti. Si è trattato di prese di beneficio dopo la buona performance delle scorse sedute. Hanno sofferto per questo motivo i titoli che hanno registrato ultimamente i più importanti guadagni. Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) ha perso il 2,5%, Komercni Banka (CZ0008019106) il 2,4%. Il WIG a Varsavia ha registrato anche oggi un lieve rialzo: +0,2% a 28041,32 punti.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption