Borse dell'Europa dell'Est: Brilla ancora Budapest

CONDIVIDI
Anche oggi tutte le principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso in rialzo.

L'indice RTS-Interfax ha guadagnato a Mosca lo 0,4% a 720,51 punti. LUKoil (US6778621044) ha guadagnato lo 0,7%, Surgutneftegas (US8688612048) lo 0,4%. Forte rialzo per Sibneft (US8257311022): +3,5% a $3,54. Il Consiglio d'Amministrazione del colosso del petrolio ha annunciato un dividendo record per il 2004. Secondo voci di stampa, inoltre, Sibneft potrebbe venir rilevata da Gazprom (US3682872078) o Rosneft, aziende controllate dallo stato. In questo modo dopo aver smantellato e rinazionalizzato Yukos (US98849W1080) il Cremlino potrebbe mettere le mani anche sull'impresa attualmente controllata da Roman Abramowitsch. Secondo i rumors all'operazione, che potrebbe venir conclusa già questa settimana, dovrebbe partecipare anche Royal Dutch (NL0000009470)-Shell (GB0008034141).

Quinto rialzo di fila e nuovo record storico per il BUX a Budapest: +1,7% a 19311,95 punti. I volumi di scambio sono stati molto alti. Gli operatori nella capitale ungherese hanno parlato di una forte domanda di titoli dall'estero. Tutte le principali blue chips hanno chiuso con dei solidi rialzi. Gedeon Richter (HU0000067624) ha guadagnato l'1,7% a HUF 31495 e raggiunto un nuovo ennesimo massimo assoluto. Gli affari della maggiore impresa dell'industria farmaceutica dell'Europa dell'Est dovrebbero beneficiare sensibilmente dell'apprezzamento del dollaro delle ultime settimane.

Il PX50 a Praga ha guadagnato lo 0,5% a 1220,8 punti. Il WIG a Varsavia ha chiuso in rialzo dello 0,9% a 28884,29 punti.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption