Borse dell'Europa dell'Est: L'indice russo RTS supera 1300 punti

CONDIVIDI
Anche oggi principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso con i solidi rialzi. I listini hanno beneficiato dell'ulteriore aumento delle quotazioni del petrolio e di alcuni metalli.

L'indice RTS-Interfax ha guadagnato a Mosca il 2,1% e chiuso per la prima volta nella sua storia al di sopra della soglia dei 1300 punti (esattamente a 1304,53 punti). Anche i volumi di scambio hanno raggiunto oggi dei livelli record. LUKoil (RU0009024277) ha guadagnato il 2,6% a $77. Si è trattato della nona seduta positiva di fila per il titolo della principale impresa russa del petrolio. Molto bene anche gli altri titoli di maggior peso. Surgutneftegas (RU0006936028) ha guadagnato il 2,7%, Sberbank (RU0009029540) il 2,3% e Norilsk Nickel (RU0007288411) il 2,9%. Gazprom (RU0007661625) a San Pietroburgo ha chiuso in rialzo dello 0,9% a RUB 225,90.

Il BUX a Budapest ha guadagnato l'1,2% a 22761,43 punti. Anche oggi in luce MOL (HU0000068952) che ha beneficiato dell'ulteriore speculazione su un possibile interesse da parte di LUKoil. Il titolo si è apprezzato del 2,1% a HUF 22450.

Il PX50 a Praga ha guadagnato lo 0,7% a 1526,70 punti.

Il WIG a Varsavia ha registrato un rialzo dello 0,6% a 39013,09 punti. Sugli scudi KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017), titolo della principale impresa mineraria polacca, che ha guadagnato il 3,3% a KPN 76.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro