Le Borse dell'Europa dell'Est chiudono in leggero ribasso

Tutte le principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi in leggero ribasso. Dopo la solida performance della scorsa settimana alcuni investitori hanno realizzato oggi i loro benefici.

L'indice RTS-Interfax ha perso a Mosca lo 0,7% a 1295,39 punti. I volumi di scambio sono scesi notevomente rispetto a venerdì ma sono rimasti a degli alti livelli. Sul mercato azionario russo hanno pesato oggi le perdite di Gazprom (RU0007661625). L'impresa ha annunciato che a causa dell'eccezionale ondata di freddo che ha colpito la Russia ridurrà le sue esportazioni di gas all'estero. Il titolo ha perso a Mosca il 2,6% a $7,82. LUKoil (RU0009024277) ha chiuso per la prima volta nel 2006 in ribasso: -0,1% a $76,90. Seduta negativa anche per Surgutneftegas (RU0006936028) e Sberbank (RU0009029540) che hanno perso rispettivamente l'1,1% e il 3,2%. Bene invece controtendenza Norilsk Nickel (RU0007288411): +0,2% a $83.

Il BUX a Budapest ha perso lo 0,3% a 22692,48 punti. Tra i titoli di maggior peso solo MOL (HU0000068952) ha chiuso oggi in rialzo: +0,2% a HUF 22500. Orszagos Takar Bank (HU0000061726) ha perso lo 0,7%, Magyar Telekom (HU0000016522) ha chiuso stabile.

Il PX50 a Praga ha perso lo 0,5% a 1518,40 punti.

Il WIG a Varsavia ha registrato un ribasso dello 0,2% a 38932,16 punti. Ancora in gran spolvero KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017). Il titolo della principale impresa mineraria polacca ha guadagnato il 7,8% a KPN 81,90.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X