Le Borse dell'Europa dell'Est registrano dei moderati guadagni

CONDIVIDI
Anche oggi le principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso in rialzo. I guadagni sono stati però limitati rispetto a ieri.

L'indice RTS-Interfax a Mosca ha guadagnato lo 0,4% a 1330,64 punti. I volumi di scambio sono aumentati rispetto a ieri e sono stati nella media. Sul mercato azionario russo ha pesato il calo del prezzo del petrolio. Morgan Stanley ha consigliato inoltre agli investitori di ridurre nei loro portafogli l'esposizione sui paesi emergenti a favore dei titoli USA. Il consiglio della banca d'affari ha frenato in particolare la performance dei titoli petroliferi russi. LUKoil (RU0009024277) e Surgutneftegas (RU0006936028) hanno chiuso invariati. Molto bene invece il settore delle telecomunicazioni e quello della siderurgia. I due settori vengono considerati sottovalutati rispetto a quello petrolifero. Rostelekom (RU0008943394) ha guadagnato il 3,5% e UralSvyazInform (RU0009048805) il 2,7%. Nel comparto siderurgico sugli scudi Severstal (RU0009046510): +4,4% a $12,90. Gazprom (RU0007661625) ha chiuso a San Pietroburgo in leggero ribasso: -0,1% a RUB 220,09.

Il BUX a Budapest ha chiuso in rialzo dello 0,7% a 22337,18 punti. In luce Orszagos Takar Bank (HU0000061726): +3,1% a HUF 7225. La maggiore banca ungherese ha annunciato che continuerà a riacquistare proprie azioni.

Il PX50 a Praga ha guadagnato lo 0,1% a 1530,4 punti.

Il WIG a Varsavia ha guadagnato lo 0,6% a 38297,47 punti. Dopo il balzo di ieri Bank Pekao (PLPEKAO00016) ha perso oggi lo 0,9% a KPN 173.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption