Le Borse dell'Europa dell'Est chiudono in leggero rialzo

CONDIVIDI
Tutte le principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi in leggero rialzo.

L'indice RTS-Interfax a Mosca ha guadagnato lo 0,5% a 1375,10 punti. I volumi di scambio sono aumentati notevolmente rispetto a ieri e sono stati al di sopra della media. Dopo aver guadagnato nelle ultime cinque sedute quasi il 40% EESR Rossii (RU0008959655) è stato oggi oggetto di prese di beneficio. Il titolo della principale impresa russa delle utilities ha chiuso in ribasso del 6,1% a $0,6475 . Tra i petroliferi in gran spolvero Tatneft (RU0009033591): +8,5% a $4,83. Bene anche Surgutneftegas (RU0006936028): +1,1% a $1,36. LUKoil (RU0009024277) ha perso invece lo 0,3%. Tra gli altri titoli di maggior peso del listino Norilsk Nickel (RU0007288411) ha guadagnato il 2,2%, Sberbank (RU0009029540) ha perso lo 0,5%. Ancora un leggero ribasso per Gazprom (RU0007661625) a San Pietroburgo: -0,3% a RUB 219,10.

Il BUX a Budapest ha guadagnato lo 0,4% a 22120,46 punti. In luce il farmaceutico Egis (HU0000053947): +3,6% a HUF 30040.

Il PX50 a Praga ha chiuso in rialzo dello 0,3% a 1518,90 punti. In ripresa Komercni Banka (CZ0008019106): +1,2% a CZK 3366.

Il WIG a Varsavia ha guadagnato lo 0,3% a 38109,01 punti. Anche oggi si è messo in evidenza KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017). Il titolo della principale impresa mineraria polacca ha chiuso in rialzo del 4,8% a KPN 72,20.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption