Le Borse dell'Europa dell'Est chiudono poco mosse

CONDIVIDI
Le principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi poco mosse. Mosca, Praga e Varsavia hanno registrato dei lievi rialzi, Budapest ha perso leggermente terreno.

L'indice RTS-Interfax ha guadagnato a Mosca lo 0,3% a 1455,67 punti. I volumi di scambio sono aumentati notevolmente rispetto a ieri e sono stati molto alti. Gli operatori hanno parlato di un aumento della liquidità degli investitori russi. La performance del listino è stata frenata però dalle perdite registrate dalle Borse dell'Europa occidentale. Nonostante l'alto prezzo del petrolio LUKoil (RU0009024277) e Surgutneftegas (RU0006936028) hanno perso rispettivamente lo 0,5% e lo 0,2%. Male anche EESR Rossii (RU0008959655) e Sberbank (RU0009029540). Il titolo della principale impresa russa delle utilities ha perso l'1,7% e quello della cassa di risparmio lo 0,6%. Molto bene invece i titoli del settore minerario e siderurgico. Norilsk Nickel (RU0007288411) ha guadagnato lo 0,9%, Nowolipezk Steel (RU0009046452) il 2,9% e Severstal (RU0009046510) l'1,2%. Ancora un leggero rialzo per Gazprom (RU0007661625) a San Pietroburgo: +0,4% a RUB 231,50.

Il BUX a Budapest ha perso lo 0,1% a 22967,10 punti. La seduta è stata come ieri molto tranquilla. Sul listino hanno pesato le perdite di Orszagos Takar Bank (HU0000061726): -1,8% a HUF 7450. Bene invece MOL (HU0000068952): +1% a HUF 22500. Il PX a Praga ha chiuso in rialzo dello 0,2% a 1534,5 punti. Tra i titoli principali il migliore è stato Komercni Banka (CZ0008019106): +1,2% a CZK 3374.

Il WIG a Varsavia ha guadagnato lo 0,2% a 40929,20 punti. Ancora bene KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017): +0,5% a KPN 87,80. Prese di beneficio invece su Bank Pekao (PLPEKAO00016). Il titolo della principale banca polacca ha chiuso in ribasso dell'1,5% a KPN 152.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption