Borse dell'Europa dell'Est: Sale solo Budapest

CONDIVIDI
Tra le principali Borse dell'Europa dell'Est solo Budapest ha chiuso oggi in rialzo.

L'indice RTS-Interfax ha perso a Mosca lo 0,7% a 1554,99 punti. I volumi di scambio sono scesi sensibilmente rispetto a ieri e sono stati bassi. Il mercato azionario russo continua ad essere fortemente dipendente dall'andamento del prezzo del petrolio. Il nuovo calo delle quotazioni dell'oro nero ha fatto cambiare oggi di colpo il clima sulla piazza finanziaria moscovita che ieri era stato ancora molto positivo. Tutti i titoli principali hanno chiuso in ribasso. LUKoil (RU0009024277) ha perso lo 0,9%, Surgutneftegas (RU0006936028) l'1,2%, Gazprom (RU0007661625) lo 0,9%, Norilsk Nickel (RU0007288411) l'1,8% e Sberbank (RU0009029540) lo 0,5%.

Il BUX a Budapest ha chiuso in rialzo dello 0,3% a 22.056,57 punti. Tra le blue chips sugli scudi Gedeon Richter (HU0000067624): +2,6% a HUF 45.945. Male invece MOL (HU0000068952): -2,5% a HUF 19.750.

Il PX a Praga ha chiuso in ribasso dell'1,1% a 1.439,10 punti. Tra i titoli di maggior peso solo Philip Morris (CZ0008418869) ha potuto chiudere in rialzo: +2,3% a CZK 10.211. Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) ha perso l'1,7% e Komercni Banka (CZ0008019106) l'1,3%.

Il WIG a Varsavia ha registrato un calo dello 0,1% a 44.966,63 punti. La seduta è stata tranquilla e senza movimenti di grande rilievo. PKN Orlen (PLPKN0000018) ha guadagnato lo 0,3%, Bank BPH (PLBPH0000019) lo 0,4% e KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017) lo 0,1%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption