Le Borse dell'Europa dell'Est chiudono poco mosse

CONDIVIDI
Le principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi poco mosse. Budapest ha registrato un lieve rialzo, Mosca e Varsavia hanno perso leggermente terreno, Praga ha chiuso invariata.

L'indice RTS ha perso a Mosca lo 0,1% a 1705,11 punti. I volumi di scambio sono leggermente diminuiti rispetto a venerdì e sono stati nella media. La performance del mercato azionario russo è stata frenata dal calo del prezzo del petrolio e dei principali metalli. Tra i petroliferi dopo il balzo di venerdì Rosneft (RU000A0J2Q06) ha perso oggi lo 0,3%. Il titolo della seconda impresa russa del petrolio si è trovato per gran parte della seduta in terreno positivo. Rosneft potrebbe infatti venir introdotto nell'indice Morgan Stanley Capital International. Secondo delle voci di mercato Rosneft potrebbe inoltre essere interessata ad un'acquisizione di Surgutneftegas (RU0006936028). Il titolo di quest'ultima ha chiuso perciò controtendenza in rialzo dello 0,4% a $1,375. Tra gli altri titoli di maggior peso LUKoil (RU0009024277) ha perso lo 0,5%, Gazprom (RU0007661625) lo 0,2% e Norilsk Nickel (RU0007288411) il 3,2%. Sberbank (RU0009029540) ha chiuso stabile a $2.410.

Il BUX a Budapest ha chiuso in rialzo dello 0,3% a 23.471,51 punti. MOL (HU0000068952) ha presentato oggi degli utili record per il terzo trimestre. I dati di bilancio della principale impresa petrolchimica ungherese hanno inoltre superato le attese. Nonostante ciò il titolo ha perso lo 0,1% a HUF 21.605. Gli operatori hanno spiegato il lieve calo con la debolezza del prezzo del petrolio e con delle prese di beneficio. Magyar Telekom (HU0000016522) ha continuato a beneficiare dei solidi risultati comunicati la scorsa settimana ed ha guadagnato l'1,2%.

Il PX a Praga ha chiuso stabile a 1.539,70 punti. Terza seduta negativa di fila per Komercni Banka (CZ0008019106): -1,2% a CZK 3.276,20. La scorsa settimana la principale banca ceca aveva presentato dei dati di bilancio al di sotto delle attese. Ancora bene Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300): +0,6% a CZK 900,50. Gli investitori sono ottimisti sulla trimestrale dell'impresa delle utilities.

Il WIG a Varsavia ha perso lo 0,2% a 48.958,52 punti. Anche oggi il forte calo del rame ha affondato KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017). Il titolo della principale impresa mineraria polacca ha chiuso in ribasso del 4,9% a KPN 97,95. Ancora una seduta positiva invece per Telekomunikacja Polska (PLTLKPL00017): +2,9% a KPN 24,59.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption