Le Borse dell'Europa dell'Est chiudono in ribasso su prese di beneficio

CONDIVIDI
Dopo l'ottima performance delle scorse sedute tutte le principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi in ribasso. La debole performance di ieri di Wall Street ha fatto scattare delle logiche prese di beneficio.

L'indice RTS-Interfax ha perso a Mosca lo 0,9% a 1.967,02 punti. I volumi di scambio sono scesi rispetto a ieri e sono poco al di sopra della media. Eccetto Rosneft (RU000A0J2Q06), che ha guadagnato il 2,3%, tutte le blue chips russe hanno chiuso in ribasso. LUKoil (RU0009024277) ha perso lo 0,6%, Surgutneftegas (RU0006936028) l'1,6%, Gazprom (RU0007661625) l'1%, Norilsk Nickel (RU0007288411) l'1,7%, EESR Rossii (RU0008959655) l'1,1% e Sberbank (RU0009029540) l'1,5%.

Il BUX a Budapest ha chiuso in ribasso dello 0,4% a 24.297,62 punti. Dopo aver brillato ieri Magyar Telekom (HU0000016522) ha perso oggi l'1,5%. Gli altri titoli di maggior peso hanno chiuso poco mossi. OTP Bank (HU0000061726) ha perso lo 0,2%, MOL (HU0000068952) ha guadagnato lo 0,1%.

Il PX a Praga ha perso l'1,2% a 1.763,60 punti. Ancora bene Komercni Banka (CZ0008019106): +1,1% a CZK 3.858. Male invece Zentiva (NL0000405173): -3,3% a CZK 1.398.

Il WIG a Varsavia ha interrotto oggi la sua lunga serie positiva ed ha perso l'1,5% a 58.298,23 punti. I realizzi hanno riguardato i titoli che ultimamente hanno brillanto in particolar modo. Globe Trade Centre (PLGTC0000037) ha perso il 5,7% e Polimex-Mostostal (PLMSTSD00019) il 2,4%. L'aumento del prezzo del petrolio ha spinto ancora PKN Orlen (PLPKN0000018) che ha guadagnato l'1,5%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption