Borse dell'Europa dell'Est negative sulla scia dei mercati occidentali

A Mosca male i petroliferi, Norilsk Nickel limita le perdite grazie a "Vedemosti" e a Credit Suisse.

CONDIVIDI
Le principali Borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi in ribasso. Sui listini ha pesato il clima negativo sui mercati azionari occidentali.

L'indice RTS-Interfax ha perso a Mosca il 2% a 2.050,15 punti. I volumi di scambio sono aumentati notevolmente rispetto a ieri e sono stati al di sopra della media. Il calo del prezzo del petrolio ed i timori legati ad un possibile aumento della produzione da parte dell'OPEC hanno fatto scattare una pioggia di vendite sui petroliferi. LUKoil (RU0009024277) ha perso il 2,5%, Rosneft (RU000A0J2Q06) il 2,1% e Surgutneftegas (RU0006936028) il 4,5%. Tra le altre blue chips russe Norilsk Nickel (RU0007288411) ha potuto limitare le perdite. Il titolo del colosso minerario ha chiuso in ribasso di solo lo 0,1% a $221,80. Secondo quanto ha scritto oggi il quotidiano "Vedemosti" Norilsk Nickel avrebbe aumentato durante gli scorsi mesi i suoi profitti di gran lunga più del previsto grazie all'aumento del prezzo del nickel. Credit suisse ha alzato inoltre oggi il suo target price per il titolo a $335.

Il BUX a Budapest ha chiuso in ribasso dell'1,3% a 29.713,59 punti. MOL (HU0000068952) ha perso l'1,3% a HUF 29.250. Zsolt Hernà¡di, chairman dell'impresa petrolchimica ungherese, ha dichiarato in un'intervista al "Financial Times" che una fusione con OMV (AT0000743059) sarebbe svantaggiosa perchè il nuovo gruppo sarebbe costretto a vendere dei suoi importanti assets per soddisfare le richieste delle autorità antitrust. Hernà¡di ha smentito inoltre che MOL sarebbe pronta ad accettare una possibile controfferta da parte di una compagnia russa.

Il PX a Praga ha perso l'1,3% a 1.841,60 punti. Eccetto Unipetrol (CZ0009091500), che ha guadagnato lo 0,3%, tutte le blue chips ceche hanno chiuso in ribasso. Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) ha perso il 2,2%, Komercni Banka (CZ0008019106) il 2,4% e Telefónica O2 C.R. (CZ0009093209) l'1%.

Il WIG a Varsavia ha perso l'1,2% a 65.252,94 punti. Dopo il balzo di ieri KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017) ha perso l'1,7%. Anche i bancari sono stati oggetto di prese di beneficio. Bank BPH (PLBPH0000019) ha chiuso in ribasso dello 0,9%, PKO Bank Polski (PLPKO0000016) dello 0,3%, BZW Bank (PLBZ00000044) dello 0,2% e Bank Pekao (PLPEKAO00016) dello 0,9%.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro