Borse dell'America Latina: San Paolo e Città del Messico salgono ancora

Il Bovespa ha guadagnato il 2,7%, l'IPC lo 0,6%. In luce petroliferi e minerari.

Anche oggi quasi tutte le borse dell'America Latina hanno chiuso in rialzo. L'aumento dei prezzi del petrolio e dei principali metalli ha spinto su tutti i listini i petroliferi ed i minerari. Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato il 2,7% a 64.630,87 punti. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) ha chiuso in rialzo dell'1,8% e Companhia Vale do Rio Doce (BRVALEACNPA3) del 3,1%. Nel settore della siderurgia Companhia Siderúrgica Nacional (BRCSNAACNOR6) ha guadagnato l'1,4%. Il terzo produttore brasiliano di acciaio ha annunciato dei dati di bilancio per il terzo trimestre al di sopra delle attese del mercato. Dopo l'eccezionale rally di ieri l'IPC ha guadagnato oggi a Città del Messico un moderato 0,6% e chiuso a 29.655,68 punti. Wal-Mart de Mexico (MXP810081010) e Grupo Mexico (MXP370841019) hanno registrato ancora dei forti rialzi. Il titolo del gigante della distribuzione ha guadagnato il 2,6%, quello della prima impresa mineraria messicana il 5%. América Móvil (MXP001691213) ha chiuso in rialzo dello 0,3%, Cemex (MXP225611567) ha perso lo 0,6%. Tra gli altri listini del continente sudamericano il Merval a Buenos Aires ha guadagnato lo 0,2%, l'IPSA a Santiago del Cile l'1,4%, il General a Lima il 2,2% e l'IGBC a Bogotà il 2,5%. L'IBVC a Caracas ha perso lo 0,7%.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS