Le borse dell'Europa dell'Est chiudono per la terza seduta di fila in calo

Mosca ha perso lo 0,7%, Budapest l'1,9%, Praga il 2,4% e Varsavia l'1,6%.

CONDIVIDI
Le principali borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi per la terza seduta di fila in ribasso.

L'indice RTS ha perso a Mosca lo 0,7% a 2.018,88 punti. I volumi di scambio sono aumentati sensibilmente rispetto a ieri e sono stati alti. Ancora bene Norilsk Nickel (RU0007288411): +0,5% a $300,50. Il mercato ha speculato anche oggi su una possibile mega-fusione tra il colosso minerario e la Metalloinvest del miliardario Alisher Usmanov. Seduta positiva anche per Rosneft (RU000A0J2Q06) e, Gazprom (RU0007661625). Il titolo del primo produttore russo di petrolio ha guadagnato l'1,2%, quello del colosso del gas l'1,6%. Tra le altre blue chips russe LUKoil (RU0009024277) ha perso il 2,9%, Sberbank (RU0009029540) il 3,1% e EESR Rossii (RU0008959655) il 3,7%.

Il BUX a Budapest ha chiuso in ribasso dell'1,9% a 22.368,87 punti. Anche oggi tutte le blue chips ungheresi hanno registrato una seduta negativa. OTP Bank (HU0000061726) ha perso il 2,7%, Gedeon Richter (HU0000067624) l'1,6%, MOL (HU0000068952) l'1,7% e Magyar Telekom (HU0000016522) l'1,2%.

Il PX a Praga ha perso il 2,4% a 1.485,60 punti. CETV (BMG200452024) ha chiuso in calo del 7,7%. L'impresa dei media ha annunciato l'emissione di un bond convertibile per $425 milioni. Tra i titoli di maggior peso del listino ceco Erste Bank (AT0000652011) ha perso il 2,5%, Komercni Banka (CZ0008019106) il 4,6% e Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) il 2,1%. Teléfónica O2 C.R. (CZ0009093209) ha beneficiato del suo carattere difensivo ed ha chiuso in rialzo dello 0,2%.

Il WIG a Varsavia ha chiuso in ribasso dell'1,6% a 45.807,69 punti. Ancora male Bioton (PLBIOTN00029): -8% a KPN 0,81. L'impresa biofarmaceutica polacca ha presentato ieri dei dati di bilancio per il 2007 nettamente al di sotto delle attese del mercato. Seduta da dimenticare anche per BRE Bank (PLBRE0000012): -9% a KPN 366. Commerzbank (DE0008032004), che controlla il 70% del capitale di BRE Bank, ha annunciato oggi una riorganizzazione delle sue attività nell'Europa dell'Est. Nell'ambito del riassetto verrà sostituito Slawomir Lachowski, l'attuale CEO di BRE Bank. KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017) è stato anche oggi una dei pochi titoli polacchi che ha resistito alle vendite. Il titolo del primo produttore europeo di rame ha guadagnato lo 0,2% a KPN 109,70.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption