La Borsa di Mosca chiude in forte rialzo e raggiunge un nuovo record storico

L'indice RTS ha guadagnato il 2,8%. Seduta positiva anche per gli altri listini dell'Europa orientale.

CONDIVIDI
Anche oggi tutte le principali borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso in rialzo.

L'indice RTS a Mosca ha guadagnato il 2,8% e raggiunto un nuovo record storico a 2.406,05 punti. Per il listino russo si è trattato della sesta seduta positiva di fila. I volumi di scambio sono stati anche oggi alti. I titoli energetici hanno accelerato oggi nella loro corsa al rialzo. LUKoil (RU0009024277) ha guadagnato il 5%, Rosneft (RU000A0J2Q06) il 4,9%, Surgutneftegas (RU0006936028) il 5,9% e Gazprom (RU0007661625) il 2,5%. Il Premier russo Vladimir Putin ha proposto oggi un'esenzione totale dalle imposte per un periodo di sette anni per tutte quelle imprese che stanno esplorando e sviluppando dei nuovi giacimenti di petrolio e di gas. Già la scorsa settimana Putin aveva annunciato in occasione della sua elezione da parte della Duma un taglio delle tasse per le imprese petrolifere. Tra le altre blue chips russe Sberbank (RU0009029540) e Norilsk Nickel (RU0007288411) hanno guadagnato rispettivamente lo 0,6% ed il 4,1%. EESR Rossii (RU0008959655) ha chiuso in calo dell'1,9%.

Il BUX a Budapest ha chiuso in rialzo dello 0,9% a 23.507,86 punti. OTP Bank (HU0000061726) e MOL (HU0000068952) hanno guadagnato rispettivamente il 2,4% e lo 0,4%. Le due principali imprese ungheresi pubblicano domani i loro dati di bilancio per il primo trimestre. Bene anche Gedeon Richter (HU0000067624): +1,5% a HUF 33.600. Magyar Telekom (HU0000016522) ha chiuso invece in calo dello 0,6%.

Il PX a Praga ha guadagnato lo 0,8% a 1.655,20 punti. Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) ha chiuso in rialzo dell'1,8%. Gli investitori sono ottimisti sulla trimestrale del gigante ceco delle utilities, in programma per domani. Seduta positiva anche per Zentiva (NL0000405173): +3,5% a CZK 1.048. Credit Suisse ha alzato oggi il suo target sul prezzo per il titolo dell'impresa farmaceutica da CZK 890 a CZK 1.050. Komercni Banka (CZ0008019106) ha chiuso in calo del 2,5%. La banca ceca ha annunciato oggi dei dati di bilancio che hanno corrisposto alle previsioni degli analisti. Dopo la solida performance del titolo delle scorse settimane il mercato si era aspettato qualche cosa di più.

Il WIG a Varsavia ha guadagnato lo 0,6% a 48.321,35 punti. In spolvero Polish Oil & Gas (PLPGNIG00014): +5,7% a KPN 4,47. Il maggiore fornitore di gas polacco ha pubblicato oggi una trimestrale che ha superato nettamente le attese degli analisti. Bene anche Agora (PLAGORA00067): +1,3% a KPN 40,40. HSBC ha alzato oggi il suo rating sul titolo dell'impresa dei media ad "Overweight". KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017) ha beneficiato dell'aumento del prezzo del rame ed ha guadagnato l'1,7%. Bank Pekao (PLPEKAO00016) ha perso il 2,7% a KPN 191. Credit Suisse ha tagliato oggi il suo target sul prezzo per il titolo della prima banca polacca da KPN 256 a KPN 216.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro