Le borse dell'Europa dell'Est chiudono in calo, pesa la debole apertura di Wall Street

Dopo nove sedute positive di fila l'indice RTS a Mosca ha perso l'1,4%.

CONDIVIDI
Tutte le principali borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi in ribasso.

Dopo nove sedute positive di fila l'indice RTS a Mosca ha perso l'1,4% a 2.453,12 punti. I volumi di scambio sono scesi rispetto a ieri ma sono rimasti chiaramente al di sopra della media. Sul mercato azionario russo ha pesato la debole apertura di Wall Street. I petroliferi hanno continuato a ritracciare nonostante il nuovo aumento del prezzo del petrolio. LUKoil (RU0009024277) ha perso il 3,8%, Rosneft (RU000A0J2Q06) l'1,9% e Surgutneftegas (RU0006936028) l'1,3%. Bene controtendenza Norilsk Nickel (RU0007288411): +3,8% a $311,40. Secondo la stampa russa Metalloinvest avrebbe l'intenzione di quotare il prossimo autunno il 25% del suo capitale in borsa. Secondo alcuni osservatori la mossa punterebbe a mettere sotto pressione Norilsk Nickel. La IPO dovrebbe infatti mostrare che il valore di Metalloinvest è maggiore di quanto ammesso finora da Norisk Nickel. Le due imprese stanno discutendo da alcuni mesi su una loro possibile fusione ma non hanno potuto finora trovare un accordo sulle sue condizioni. Tra le altre blue chips russe Gazprom (RU0007661625) ha perso l'1,2% e Sberbank (RU0009029540) l'1,6%. EESR Rossii (RU0008959655) ha chiuso invariato.

Il BUX a Budapest ha chiuso in ribasso dell'1% a 22.715,64 punti. OTP Bank (HU0000061726) ha sofferto insieme all'intero settore bancario europeo ed ha perso il 2,5%. Seduta negativa anche per Gedeon Richter (HU0000067624) e Magyar Telekom (HU0000016522). Il titolo della prima impresa farmaceutica dell'Europa centro-orientale ha chiuso in calo dell'1,6%, quello dell'ex-monopolista delle telecomunicazioni dello 0,9%. Dopo la debole performance delle scorse sedute MOL (HU0000068952) ha registrato una ripresa e guadagnato lo 0,5%.

Il PX a Praga ha perso lo 0,5% a 1.710,80 punti. Su molti titoli del listino ceco sono scattate oggi delle prese di beneficio. Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) ha perso l'1%, NWR (NL0006282204) il 7,1% e Zentiva (NL0000405173) lo 0,7%. Teléfónica O2 C.R. (CZ0009093209) ha beneficiato del suo carattere difensivo ed ha chiuso in rialzo dello 0,3%.

Il WIG a Varsavia ha perso l'1,4% a 47.709,82 punti. Diciassette dei venti titoli di maggior peso del listino polacco hanno chiuso in ribasso. Seduta da dimenticare per TVN (PLTVN0000017): -9,3% a KPN 20. Il secondo network commerciale polacco ha acquistato da ITI (International Trading and Investments Holding) per €95 milioni il 25% della piattaforma di tv digitale n. Secondo gli osservatori del settore il prezzo pagato da TVN sarebbe stato eccessivo. Ancora delle forti perdite per Agora (PLAGORA00067): -3,3% a KPN 35,20. Anche Agora aveva annunciato la scorsa settimena un'acquisizione ritenuta molto costosa dal mercato. Ieri Merrill Lynch ha declassato il titolo dell'impresa dei media a "Sell".
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro