Borsainside.com

Borse dell'America Latina: San Paolo e Città del Messico chiudono ancora in calo

Il Governo brasiliano ha comunicato che la produzione industriale è aumentata ad aprile nella prima economia dell'America Latina del 10,1%.

Anche oggi la maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso in ribasso.
Il Bovespa a San Paolo ha perso il 2,6% a 70.011,91 punti. Sul mercato azionario brasiliano hanno pesato la debole performance di Wall Street ed i timori legati al futuro andamento dei tassi d'interesse.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Il Governo brasiliano ha comunicato che la produzione industriale è aumentata ad aprile nella prima economia dell'America Latina del 10,1%. Il mercato teme ora che la Banca centrale brasiliana possa aumentare domani i suoi tassi d'interesse più del previsto. Nel settore immobiliare Gafisa (BRGFSAACNOR3) e Cyrela (BRCYREACNOR7) hanno perso rispettivamente il 4,7% e il 5%. Santander Securities ha tagliato oggi il suo rating su Gafisa ad "Underperform" e su Cyrela a "Hold". La casa d'investimento ha indicato che l'aumento del costo del denaro dovrebbe penalizzare in particolar modo le imprese immobiliari.

Vivo (BRVIVOACNOR1) ha chiuso in calo del 5,9% a BRL 10,31. UBS ha declassato il titolo dell'operatore di telefonia mobile da "Buy" a "Hold". UBS crede che le autorità responsabili del regolamento del settore delle telecomunicazioni in Brasile interverranno presto sulle tariffe di terminazione di chiamata. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) e Vale (BRVALEACNPA3), i titoli di maggior peso del Bovespa hanno perso rispettivamente il 4,7% e il 3,5%. Il prezzo del petrolio ha perso oggi a New York quasi $3,50 al barile, quello dell'oro $11 all'oncia e quello del rame $0,02 a libbra.
L'IPC a Città del Messico ha chiuso in ribasso dello 0,5% a 31.492,64 punti. Tra le blue chips messicane América Móvil (MXP001691213) ha perso il 2,1%. Wal-Mart de Mexico (MXP810081010) e Cemex (MXP225611567) hanno invece guadagnato rispettivamente lo 0,9% e l'1,4%.

Tra gli altri listini del continente sudamericano il Merval a Buenos Aires ha perso lo 0,7%, l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,1% e l'IGBC a Bogotà l'1,2%. Il General a Lima e l'IBVC a Caracas hanno guadagnato rispettivamente lo 0,1% e l'1,3%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS