Borse dell'America Latina: Domina il segno più, San Paolo sale dello 0,8%

Città del Messico ha guadagnato lo 0,1%. Seduta positiva anche per Santiago del Cile e Caracas.

CONDIVIDI
La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso ieri in rialzo.
Dopo quattro sedute negative di fila il Bovespa a San Paolo ha guadagnato lo 0,8% a 67.319,63 punti. Sugli scudi Ambev (BRAMBVACNPR1): +8,8% a BRL 115,50. InBev (BE0003793107), l'impresa madre di Ambev, ha fatto un'offerta di circa per Anheuser-Busch (US0352291035), il primo produttore statunitense di birra. La maggior parte dei bancari ha potuto recuperare parte del terreno perso durante le scorse sedute. Itau (BRITAUACNPR3) ha guadagnato il 4,5%, Banco Bradesco (BRBBDCACNPR8) il 3,5% e Unibanco (BRUBBRCDAM14) l'1,1%. Vale (BRVALEACNPA3) e Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6), i due titoli di maggior peso del Bovespa hanno perso rispettivamente l'1% e lo 0,5%.
L'IPC a Città del Messico ha chiuso in rialzo dello 0,1% a 30.475.44 punti. Anche a Città del Messico hanno brillato i titoli dei produttori di birra. Grupo Modelo (MXP4833F1044) ha guadagnato 2% e Femsa (MXP320321310) il 3,9%. Il calo dei prezzi dei principali metalli ha pesato sui minerari. Penoles (MXP554091415) ha perso il 2,2% e Grupo Mexico (MXP370841019) il 3,2%. América Móvil (MXP001691213) ha beneficiato di un commento positivo di UBS ed ha chiuso in rialzo del 2,2%. Wal-Mart de Mexico (MXP810081010) ha guadagnato lo 0,1%, Cemex (MXP225611567) ha perso invece l'1,2%.
Tra gli altri listini del continente sudamericano il Merval a Buenos Aires ha perso lo 0,7% ed il General a Lima l'1,4%. L'IPSA a Santiago del Cile ha guadagnato l'1,7% e l'IBVC a Caracas lo 0,4%. L'IGBC a Bogotà ha chiuso invariato.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption