Borse dell'Europa dell'Est: Sale solo Budapest, venerdì nero a Mosca

L'indice RTS è crollato nella capitale russa del 7,1%.

CONDIVIDI
Tra le principali borse dell'Europa dell'Est solo Budapest ha potuto chiudere oggi in rialzo.

L'indice RTS ha perso a Mosca il 7,1% a 1.070,98 punti. A causa della pioggia di vendite le autorità finanziarie russe hanno dovuto bloccare le contrattazioni per due volte e chiudere la seduta mezz'ora prima del solito. Durante l'intera ottava il listino russo ha perso ben il 17%. La crisi di fiducia relativa alla Russia che sussiste da alcune settimane si è aggravata oggi alla notizia che il miliardario Oleg Deripaska, secondo Forbes l'uomo più ricco del paese, ha dovuto disinvestire, a causa delle turbolenze nel settore finanziario, la sua quota nella canadese Magna International (CA5592224011), uno dei maggiori produttori al mondo di componenti per l'industria automobilistica. Sul sentiment degli investitori a Mosca hanno pesato oggi inoltre il crollo di Wall Street di ieri ed il forte calo dei prezzi delle commodities. La lista dei ribassi è stata guidata da Norilsk Nickel (RU0007288411): -14,9% a $110,70. La prima impresa mineraria russa ha annunciato oggi che, a causa del calo del prezzo del nickel e dell'aumento dei costi, i suoi profitti sono calati nel primo semestre di quest'anno del 33%. Nel settore energetico LUKoil (RU0009024277) ha perso il 6,5%, Rosneft (RU000A0J2Q06) il 10%, Surgutneftegas (RU0006936028) il 9,4% e Gazprom (RU0007661625) il 7%. Nel settore della siderurgia Severstal (RU0009046510) ha chiuso in calo del 10,1% e Mechel (RU000A0DKXV5) dell'8%. Tra i bancari Sberbank (RU0009029540) ha perso l'1,4% e VTB Bank (RU000A0JP5V6) l'8,3%.

Il BUX a Budapest ha chiuso in rialzo dello 0,4% a 19.074,26 punti. Tra le blue chips ungheresi OTP Bank (HU0000061726) ha guadagnato lo 0,6%%, Gedeon Richter (HU0000067624) il 2,3% e Magyar Telekom (HU0000016522) lo 0,1%. MOL (HU0000068952) ha perso lo 0,9%.

Il PX a Praga ha perso l'1,5% a 1.204,80 punti. Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) ha chiuso in calo del 5,5%. Il gigante ceco delle utilities ha dovuto chiudere una parte della sua centrale elettrica di Temelin a causa di un guasto. CETV (BMG200452024) è crollato del 13,4%. Sul titolo dell'impresa dei media ha pesato il forte apprezzamento del dollaro. NWR (NL0006282204) ha perso oggi un ulteriore 2%. Erste Bank (AT0000652011) ha guadagnato l'1,6% e Teléfónica O2 C.R. (CZ0009093209) lo 0,7%.

Il WIG a Varsavia ha perso lo 0,9% a 36.830,27 punti. La debolezza dei prezzi dei principali metalli ha affondato KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017). Il titolo dell'impresa minearia ha chiuso in calo del 6,6%. Tra le altre blue chips polacche Bank Pekao (PLPEKAO00016) ha perso lo 0,5% e Telekomunikacja Polska (PLTLKPL00017) lo 0,6%. PKO Bank Polski (PLPKO0000016) ha guadagnato l'1,2%, PKN Orlen (PLPKN0000018) ha chiuso stabile.
logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro