Borse dell'Europa dell'Est: Gli orsi fanno a pezzi Mosca

L'indice RTS è collassato del 19,1%. Si è trattato del più forte ribasso mai registrato dal listino russo in una sola seduta.

CONDIVIDI
Anche le principali borse dell'Europa dell'Est hanno vissuto oggi una delle peggiori giornate della loro storia.

L'indice RTS ha è collassato a Mosca del 19,1% a 866,39 punti. Si è trattato della peggiore seduta nella storia del listino russo. A causa dell'eccezionale ondata di vendite le autorità finanziarie russe hanno bloccato anche oggi le contrattazioni per due volte (tre volte al MICEX). Il drammatico inasprimento della crisi del settore finanziario sta spingendo gli investitori a ridurre sempre di più la loro esposizione al rischio, i capitali stanno perciò lasciando soprattutto i mercati emergenti. La Borsa di Mosca è stata colpita anche oggi in particolar modo dalle vendite a causa del crollo dei prezzi delle commodities e del recente deterioramento dei rapporti tra la Russia e l'Occidente. Il massacro tra i titoli del listino russo è stato di dimensioni enormi. LUKoil (RU0009024277) ha perso il 24,2%, Rosneft (RU000A0J2Q06) il 27,4%, Surgutneftegas (RU0006936028) il 22,9%, Gazprom (RU0007661625) il 24,4%, Norilsk Nickel (RU0007288411) il 37,7% e Sberbank (RU0009029540) il 16,3%.

Il BUX a Budapest ha chiuso in ribasso del 5,7% a 17.991,02 punti. Tra le blue chips ungheresi OTP Bank (HU0000061726) ha perso l'11%, Magyar Telekom (HU0000016522) il 2,6% e MOL (HU0000068952) il 5,7%. Gedeon Richter (HU0000067624) ha beneficiato del suo carattere difensivo ed ha chiuso stabile.

Il PX a Praga ha perso l'8,5% a 1.102,90 punti. Tutti i titoli del listino ceco hanno chiuso in calo. Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) ha perso il 13,3%, NWR (NL0006282204) il 13,1%, Erste Bank (AT0000652011) il 6,2%, Komercni Banka (CZ0008019106) l'8,6% e Teléfónica O2 C.R. (CZ0009093209) il 4%.

Il WIG a Varsavia ha perso il 5,4% a 34.832,29 punti. Tutti i venti titoli principali del listino polacco hanno registrato una seduta negativa. KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017) ha perso il 10,1%, Bank Pekao (PLPEKAO00016) il 6,2%, PKO Bank Polski (PLPKO0000016) il 7,8%, Telekomunikacja Polska (PLTLKPL00017) il 4,8% e PKN Orlen (PLPKN0000018) il 2,1%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption