Skin ADV

Borse dell'Europa dell'Est: Mosca rimbalza, Budapest crolla

L'indice RTS ha guadagnato nella capitale russa il 10,9%, il BUX ha perso a Budapest il 7,1%.

Eccetto Budapest tutte le principali borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi in rialzo.

L'indice RTS ha guadagnato a Mosca il 10,9% a 844,75 punti. Le autorità finanziarie russe avevano annunciato ieri che le contrattazioni sarebbero state sospese fino a venerdì. Il miglioramento del clima sui mercati asiatici ed europei di questa mattina le ha indotte però a far ripartire il trading a Mosca già oggi. Tutte le blue chips russe, che erano state massacrate durante le scorse sedute, hanno registrato un forte rimbalzo. LUKoil (RU0009024277) ha guadagnato il 27,6%, Rosneft (RU000A0J2Q06) il 22,9%, Surgutneftegas (RU0006936028) il 23,1%, Gazprom (RU0007661625) il 14,7%, Norilsk Nickel (RU0007288411) l'8% e Sberbank (RU0009029540) il 9,6%.

Il BUX a Budapest ha chiuso in ribasso del 7,1% a 15.014,52 punti. OTP Bank (HU0000061726) è crollato del 14,3%. Secondo delle voci di mercato che sono circolate verso la fine della seduta il Governo ungherese starebbe preparando un piano di salvataggio per la prima banca del Paese. Il rumor ha fatto scattare una pioggia di vendite alla Borsa di Budapest e messo sotto pressione il fiorino ungherese rispetto alle altre valute. Dopo la chiusura delle contrattazioni sia OTP Bank che il Governo ungherese hanno smentito con decisione le voci. Tra gli altri titoli del BUX FHB (HU0000078175) ha perso il 2,8%, MOL (HU0000068952) il 3,8% e Gedeon Richter (HU0000067624) il 9,7%. Magyar Telekom (HU0000016522) ha chiuso in rialzo dello 0,7%.

Il PX a Praga ha guadagnato lo 0,2% a 1.044,60 punti. Gli operatori hanno parlato di una seduta di transizione. La situazione si sarebbe stabilizzata grazie al taglio dei tassi d'interesse effettuato ieri dalle principali banche centrali mondiali, nessuno avrebbe però ancora la voglia di rientrare veramente sul mercato. I bancari hanno chiuso di nuovo in calo. Erste Bank (AT0000652011) ha perso il 2,4% e Komercni Banka (CZ0008019106) l'1,1%. I titoli legati all'andamento dei prezzi dlle materie prime hanno registrato una ripresa. Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) ha guadagnato il 2,7%, Unipetrol (CZ0009091500) il 3,2% e NWR (NL0006282204) il 4,9%.

Il WIG a Varsavia ha guadagnato lo 0,2% a 33.724,03 punti. I titoli di maggior peso del listino polacco hanno chiuso contrastati. Bank Pekao (PLPEKAO00016) ha guadagnato il 3,5% e Telekomunikacja Polska (PLTLKPL00017) il 3,4%. PKO Bank Polski (PLPKO0000016) ha perso l'1,8%, KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017) il 4,4% e PKN Orlen (PLPKN0000018) l'1%.




✅ Unisciti alla rivoluzione del social trading di eToro. Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™. (sistema brevettato da eToro), ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders. Ottieni un conto Demo gratuito con 100.000€ di credito virtuale su eToro >>

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS