Le borse dell'Europa dell'Est chiudono contrastate

Seduta positiva per Mosca e Varsavia, lievi ribassi per Budapest e Praga.

Le principali borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi contrastate.

L'indice RTS ha guadagnato a Mosca meno dello 0,1% a 1.446,64 punti. I volumi di scambio sono scesi notevolmente rispetto a ieri e sono stati nella media. Sulla piazza finanziaria russa sono scattate in mattinata delle prese di beneficio. Verso la fine delle contrattazioni la Borsa di Mosca ha potuto però riprendere vigore grazie alla positiva performance di Wall Street. Tra le blue chips russe Sberbank (RU0009029540) ha guadagnato l'1,5% e Norilsk Nickel (RU0007288411) lo 0,3%. LUKoil (RU0009024277) ha perso l'1,4%, Rosneft (RU000A0J2Q06) l'1,2% e Gazprom (RU0007661625) lo 0,7%.

Il BUX a Budapest ha perso lo 0,4% a 21.391,13 punti. Quasi tutte le blue chips ungheresi hanno chiuso in ribasso. OTP Bank (HU0000061726) ha perso l'1,2%, Gedeon Richter (HU0000067624) l'1,2% e Magyar Telekom (HU0000016522) lo 0,4%. MOL (HU0000068952) ha guadagnato l'1,3%. Il mercato ha accolto positivamente delle indicazioni fornite dall'impresa petrolchimica ungherese sulle sue attività in Iraq.

Il PX a Praga ha chiuso in ribasso dello 0,5% a 1.163,40 punti. Anche sulla piazza finanziaria ceca sono scattate oggi delle prese di beneficio. Komercni Banka (CZ0008019106) ha perso lo 0,2%, Erste Group Bank (AT0000652011) l'1,2%, Telefónica O2 C.R. (CZ0009093209) l'1,4% e Unipetrol (CZ0009091500) lo 0,7%. Ancora bene Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300): +0,6% a CZK 920.

Il WIG a Varsavia ha guadagnato lo 0,7% a 39.650,14 punti. Telekomunikacja Polska (PLTLKPL00017) ha chiuso in rialzo del 3,3%. L'operatore telefonico ha raggiunto finalmente un accordo con le autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni. Telekomunikacja Polska garantirà a tutti gli operatori un eguale accesso alle sue infrastrutture. Come contropartita le tariffe per l'utilizzo delle infrastrutture di Telekomunikacja Polska resteranno fisse per tre anni. Tra le altre blue chips polacche Bank Pekao (PLPEKAO00016) ha guadagnato lo 0,4%, PKO Bank Polski (PLPKO0000016) lo 0,3% e KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017) l'1,9%. PKN Orlen (PLPKN0000018) ha perso meno dello 0,1%.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS