etoro

Le borse dell'Europa dell'Est chiudono contrastate

Mosca è rimasta invariata, seduta positiva per Praga e Varsavia.

Le principali borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi contrastate.

L'indice RTS ha chiuso a Mosca invariato a 1.415,98 punti. I volumi di scambio sono scesi rispetto a ieri e sono stati bassi. Il calo del prezzo del petrolio ha fatto scattare oggi delle prese di beneficio sulla piazza finanziaria moscovita. Tra le blue chips russe LUKoil (RU0009024277) ha perso l'1,2%, Gazprom (RU0007661625) il 2,4% e Sberbank (RU0009029540) lo 0,4%. Ancora bene Rosneft (RU000A0J2Q06): +1,2% a $8,55.

Il BUX a Budapest ha guadagnato lo 0,1% a 20.913,53 punti. MOL (HU0000068952) ha guadagnato l'1,4% a HUF 16.350. Goldman Sachs ha alzato oggi il suo target price per il titolo dell'impresa petrolchimica a HUF 18.500. Bene anche Gedeon Richter (HU0000067624): +0,5% a HUF 42.500. OTP Bank (HU0000061726) e Magyar Telekom (HU0000016522) hanno perso rispettivamente lo 0,6% e l'1,4%.

Il PX a Praga ha perso lo 0,1% a 1.116,10 punti. Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) ha chiuso in calo dell'1,7%. I prezzi spot dell'energia elettrica sono scesi oggi a dei minimi annuali. Bene i bancari. Erste Group Bank (AT0000652011) ha guadagnato lo 0,1% e Komercni Banka (CZ0008019106) l'1,2%. Telefónica O2 C.R. (CZ0009093209) ha perso lo 0,5%.

Il WIG a Varsavia ha chiuso in rialzo dello 0,6% a 40.141,7 punti. KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017) ha beneficiato dell'aumento del prezzo del rame ed ha guadagnato lo 0,9%. Tra le altre blue chips polacche Bank Pekao (PLPEKAO00016) ha guadagnato l'1,7% e PKN Orlen (PLPKN0000018) lo 0,2%. PKO Bank Polski (PLPKO0000016) ha chiuso invariato, Telekomunikacja Polska (PLTLKPL00017) ha perso lo 0,1%.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS