Borse dell'America Latina: San Paolo +0,8%, Città del Messico +0,6%

CONDIVIDI

La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso in rialzo.

Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato lo 0,8% a 59.921,80 punti. La Corte Costituzionale tedesca ha dato il via libera al fondo salva-Stati ESM ponendo delle condizioni meno strette del previsto. La notizia è stata accolta positivamente anche sulla piazza finanziaria brasiliana. Tra i bancari Banco do Brasil (BRBBASACNOR3) ha guadagnato il 2,2%, Banco Bradesco (BRBBDCACNPR8) l'1,5% e Itau Unibanco (BRITAUACNPR3) il 2,6%. Nel settore immobiliare PDG Realty (BRPDGRACNOR8) ha guadagnato il 2,3% e Rossi Residencial (BRRSIDACNOR8) il 7%. Vale (BRVALEACNPA3) e Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6), i due titoli di maggior peso del Bovespa, hanno guadagnato rispettivamente lo 0,7% e l'1,2%.
Il settore delle utilities è crollato. Centrais Eletricas Brasileiras (BRELETACNOR6) ha perso il 4,7%, Cia. Energetica de Minas Gerais (BRCMIGACNPR3) il 19,7% e Companhia Energetica De Sao Paulo (BRCESPACNPB4) il 27,5%. Gli investitori temono che il piano annunciato dal governo brasiliano volto a ridurre i prezzi dell'energia elettrica possa pesare significativamente sui profitti delle compagnie energetiche.

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha guadagnato lo 0,6%, il Merval a Buenos Aires l'1,2% e il General a Lima l'1,4%. Il Colcap a Bogotà ha perso lo 0,1%, l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,4%, e l'IBVC a Caracas lo 0,1%.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro