Il Real Brasiliano non può rimanere per sempre nel range 2,00-2,10

il-real-brasiliano-non-puo-rimanere-per-sempre-nel-range-200-210
La Banca Centrale del Brasile vuole evitare che il real si apprezzi rispetto al dollaro. © Shutterstock
CONDIVIDI

La Banca Centrale del Brasile continua a mantenere il cambio USD/BRL su valori compresi tra 2 e 2,10. Recentemente si è offerta di acquistare fino a 2,5 miliardi di dollari americani in strumenti derivati ​​poiché le valute USD/BRL scambiavano al di sotto del 2,0200 dopo i buoni dati sull’occupazione extra agricola (+114 mila a settembre). L'annuncio da parte della banca centrale ha riportato il cambio a 2,0250. Le banche locali si aspettavano che questa banda di oscillazione rimasse uguale e di conseguenza la volatilità implicita dei mercati valutari è rimasta inferiore a 10 addirittura da sei mesi. Questi sono livelli al di sotto della crisi finanziaria del 2008 ed è molto insolito per una valuta emergente, soprattutto se si considera che il mercato sta prezzando un rapporto USD/BRL più stabile rispetto alle altre coppie valutarie del G10. Ci aspettiamo che il range venga infranto e agli attuali livelli acquistiamo volentieri della volatilità. I dati macro continuano a indicare che il ciclo espansivo della banca centrale sta per terminare con la ripresa della crescita e una maggiore inflazione. Dopo una deludente prima metà del 2012, gli indicatori di crescita del Brasile stanno iniziando il terzo trimestre dell’anno in modo migliore, confermando le proiezione della nostra investment bank che indicano che il PIL crescerà ad un ritmo del 4,8% in questo trimestre (dall'1% del primo semestre 2012). L’inflazione di agosto ha registrato un aumento costante del 1,5% sa rispetto al mese precedente accumulando un incremento del 2,3% rispetto al minimo ciclico del mese di maggio. L’Indice dei Prezzi al Consumo di settembre reso noto venerdì ha evidenziato nuovi dati di una accelerazione dell’inflazione (dal 5,3% di più di un anno fa al 4,9% di giugno) rispetto all’obiettivo del 4,5%. I tassi di rendimento dei titoli del reddito fisso in valuta locale con scadenza il 20 agosto stanno incorporando un tasso d’inflazione del 5,9%. A fronte di un miglioramento dell’economia e di una inflazione più alta, le autorità alla fine non reagiranno a un rafforzamento del Real brasiliano. Un eventuale cedimento dal 2,00 potrebbe causare un rapido spostamento verso l’1,95 dato l’attuale posizionamento del mercato. 

J.P. Morgan Private Bank ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption