Segno più per le borse dell'America Latina, Caracas la migliore

CONDIVIDI

Tutte le borse dell'America Latina hanno chiuso in rialzo

Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato l'1,2% a 59.161,72 punti. La Banca Centrale del Brasile ha tagliato i suoi tassi d'interesse di altri 25 punti base, dal 7,5% al 7,25%. A mettere di buon umore gli investitori è stata inoltre la notizia del forte calo delle richieste di sussidi alla disoccupazione negli USA. Tra i bancari Banco do Brasil (BRBBASACNOR3) ha guadagnato il 3%, Banco Bradesco (BRBBDCACNPR8) l'1,8% e Itau Unibanco (BRITAUACNPR3) lo 0,9%. Gafisa (BRGFSAACNOR3) ha chiuso in rialzo dell'8,5%. J.P. Morgan ha promosso il titolo del costruttore edile da "Underweight" a "Neutral". Nel settore dell'acciaio Companhia Siderúrgica Nacional (BRCSNAACNOR6) ha guadagnato il 3%, Gerdau (BRGGBRACNPR8) l'1,5% e Usiminas (BRUSIMACNPA6) lo 0,5%. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) ha guadagnato l'1,7%. Il prezzo del petrolio ha chiuso a New York in rialzo dello 0,9%. Vale (BRVALEACNPA3) ha guadagnato l'1%.

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha guadagnato lo 0,7%, il Merval a Buenos Aires l'1,3%, il General a Lima lo 0,6% e l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,2%, il Colcap a Bogotà lo 0,1% e l'IBVC a Caracas il 2,9%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption