Le borse dell'America Latina chiudono positive, Bogotà la migliore

CONDIVIDI

Tutte le borse dell'America Latina hanno chiuso in rialzo.

Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato lo 0,6% a 60.087,29 punti. Il premier cinese Wen Jiabao ha dichiarato che il suo governo è fiducioso di raggiungere nel 2012 la prevista crescita del 7,5%. La Cina è il principale partner commerciale del Brasile. La Borsa di San Paolo ha beneficiato inoltre del calo dei timori legati alla crisi in Europa dopo che Moody's ha deciso di lasciare il rating della Spagna invariato a "Baa3". Tra i bancari Banco do Brasil (BRBBASACNOR3) ha guadagnato l'1,1% e Banco Bradesco (BRBBDCACNPR8) lo 0,4%. Nel settore immobiliare Gafisa (BRGFSAACNOR3) ha chiuso in rialzo del 4,8% e PDG Realty (BRPDGRACNOR8) del 3,7%. Grupo Pao de Acucar (BRPCARACNPR0), il primo gruppo brasiliano del settore del commercio al dettaglio, ha guadagnato l'1,9%. Nel settore dell'acciaio Companhia Siderúrgica Nacional (BRCSNAACNOR6) ha guadagnato lo 0,8% e Usiminas (BRUSIMACNPA6) il 2,2%. Vale (BRVALEACNPA3), il primo produttore al mondo di minerale di ferro, ha chiuso in rialzo dell'1,6%. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) ha perso lo 0,8%.

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha guadagnato lo 0,1%, il Merval a Buenos Aires l'1,8%, l'IBVC a Caracas l'1,4%, il General a Lima lo 0,3%, l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,5% e il Colcap a Bogotà l'1,9%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption