Borse dell'America Latina: San Paolo +0,5%, Città del Messico -0,1%

CONDIVIDI

La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso in rialzo.

Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato lo 0,5% a 61.276,12 punti. La Banca Centrale del Brasile ha tagliato le previsioni sull'inflazione nel 2013. La notizia ha spinto il settore immobiliare. Cyrela (BRCYREACNOR7) ha chiuso in rialzo dello 0,8%, Gafisa (BRGFSAACNOR3) dell'1,7%, PDG Realty (BRPDGRACNOR8) del 4,3% e Rossi Residencial (BRRSIDACNOR8) del 2,8%. Un rallentamento dell'inflazione dovrebbe permettere alle autorità monetaria brasiliane di mantenere i tassi d'interesse a dei bassi livelli. I gruppi immobiliari beneficiano in particolar modo del basso costo del denaro. Tra i petroliferi OGX Petroleo & Gas (BROGXPACNOR3) ha guadagnato lo 0,5% e Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) lo 0,6%. Il prezzo del petrolio ha chiuso a New York al di sopra di $90 al barile. Vale (BRVALEACNPA3) ha guadagnato lo 0,7%.

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha perso lo 0,1%, il Colcap a Bogotà lo 0,4% e il General a Lima lo 0,6%. Il Merval a Buenos Aires ha guadagnato lo 0,6%, l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,1% e l'IBVC a Caracas lo 0,1%.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption