Borse dell'America Latina: San Paolo -0,8%, Città del Messico -0,7%

CONDIVIDI

La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso in ribasso.

Il Bovespa a San Paolo ha perso lo 0,8% a 55.804,80 punti. L'inflazione ha accelerato in Brasile ad aprile più di quanto atteso dagli economisti. La notizia ha pesato soprattutto sui settori che dipendono in particolar modo dalla domanda domestica. Nel settore immobiliare Cyrela (BRCYREACNOR7) ha chiuso in ribasso del 3,2% e PDG Realty (BRPDGRACNOR8) dello 0,9%. Nel settore retail Grupo Pao de Acucar (BRPCARACNPR0) ha perso lo 0,4% e Lojas Americanas (BRLAMEACNPR6) l'1%. OGX Petroleo & Gas (BROGXPACNOR3) ha chiuso in ribasso del 9,7%. Il gruppo petrolifero ha venduto alla malese Petronas una quota di un suo pozzo offshore per $850 milioni. Il mercato dubita però che la somma ricevuta basterà a OGX per superare la crisi di liquidità in corso. Vale (BRVALEACNPA3) ha guadagnato lo 0,2%. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) ha perso l'1,3%. 

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha perso lo 0,7%, il Merval a Buenos Aires lo 0,7% e il Colcap a Bogotà lo 0,5%. L'IPSA a Santiago del Cile ha guadagnato lo 0,4%, il General a Lima l'1% e l'IBVC a Caracas lo 0,2%.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption