Borse dell'Europa dell'Est contrastate, tornano le vendite a Mosca

Il MICEX a Mosca ha perso l'1,3% a 1.319,02 punti. La tensione in Crimea è oggi riaumentata.

CONDIVIDI

Le principali borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso oggi contrastate.

Il MICEX a Mosca ha perso l'1,3% a 1.319,02 punti. La tensione in Crimea è oggi riaumentata. I miliziani filorussi hanno occupato due basi navali militari e hanno arrestato il capo della Marina ucraina. Il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, ha avvertito che la crisi in Crimea è la minaccia più grave per la stabilità in Europa dalla fine della Guerra Fredda. In questo contesto sulla piazza finanziaria russa sono tornate vendite. Gazprom (RU0007661625) ha perso l'1,7%, Sberbank (RU0009029540) lo 0,8% e Rosneft (RU000A0J2Q06) lo 0,7%. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Tra gli altri maggiori indici dell'Europa orientale il PX a Praga ha guadagnato lo 0,3% e il BUX a Budapest lo 0,5%. Il WIG a Varsavia ha perso lo 0,6%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption