etoro

Borse dell'America Latina: San Paolo +0,2%, Città del Messico +1%

La Borsa di San Paolo ha chiuso per la quinta seduta di fila in rialzo. Acquisti sui titoli dei produttori di materie prime.

La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso in rialzo.




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato lo 0,2% a 47.380,94 punti. Per il listino brasiliano si è trattato della quinta seduta positiva di fila. Il Bovespa è stato sostenuto dai rialzi dei titoli dei produttori di materie prime. Vale (BRVALEACNPA3), il maggiore produttore al mondo di minerale di ferro, ha guadagnato il 2,1%. Fibria Celulose (BRFIBRACNOR9), il maggior fabbricante di cellulosa a livello mondiale, ha guadagnato l'1,8%. Gerdau (BRGGBRACNPR8), il primo produttore sudamericano di acciaio, ha chiuso in rialzo del 2,5%.
Dopo il rally delle scorse sedute sui titoli delle compagnie controllate dallo stato sono scattate delle prese di beneficio. Banco do Brasil (BRBBASACNOR3) ha perso l'1,1% e Centrais Eletricas Brasileiras (BRELETACNOR6) lo 0,4%. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) ha beneficiato dell'aumento del prezzo del petrolio ed ha guadagnato lo 0,2%.

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha guadagnato l'1%, il Merval a Buenos Aires il 2% e il Colcap a Bogotà lo 0,2%. L'IBVC a Caracas ha perso il 6,2%, il General a Lima lo 0,3% e l'IPSA a Santiago del Cile lo 0,6%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato