Borsainside.com

Petrolio: Rosneft e Exxon scoprono immenso giacimento nell'Artico

petrolio-rosneft-e-exxon-scoprono-immenso-giacimento-nellartico
Il logo di Rosneft.

Si stima che la sacca scoperta dalla perforazione contenga 750 milioni di barili di olio di tipo Light e 338 miliardi di metri cubi di gas.

Rosneft (RU000A0J2Q06), il maggiore produttore russo di petrolio, ha comunicato di aver scoperto insieme a Exxon Mobil (US30231G1022) un immenso giacimento nel Mare Artico.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

"Va oltre le nostre aspettative ed è una vittoria di tutti", ha dichiarato Igor Sechin, il numero uno di Rosneft. "È stata ottenuta grazie ai nostri amici e partner come ExxonMobil, Nord Atlantic Drilling, Schlumberger, Halliburton, Weatherford, Baker, Trendsetter, FMC", ha aggiunto. Il giacimento sarà quindi chiamato "Pobeda", che significa appunto vittoria. Sechin ha indicato che si stima che la sacca scoperta dalla perforazione contenga 750 milioni di barili di olio di tipo Light, quello di più alta qualità, e 338 miliardi di metri cubi di gas.

Rosneft e Exxon Mobil hanno iniziato le perforazioni durante l'estate ed hanno proseguito, nonostante gli USA abbiano imposto delle sanzioni finanziarie al gruppo petrolifero russo a causa del ruolo di Mosca nella crisi ucraina. La scorsa settimana Exxon Mobil ha annunciato tuttavia che sospenderà la campagna di perforazione dopo che Washington ha deciso lo scorso 12 settembre di vietare alle compagnie statunitensi la fornitura di servizi e tecnologie ai gruppi energetici russi.

Il pozzo Universitetskaya-1 nel Mare di Kara è uno dei progetti più seguiti dall'industria petrolifera dato che i geologi credono che l'Artico sia l'ultima grande riserva inesplorata di greggio. La scoperta di "liquidi" è positiva visto che sussisteva il timore che la campagna di perforazione potesse aver trovato solamente gas naturale, una risorsa di gran lunga meno profittevole.

Rosneft ha indicato in passato che potrebbe investire  $400 miliardi nell'Artico durante i prossimi 15 anni. Secondo i russi l'area potrebbe contenere riserve comparabili alle riserve sviluppate dell'Arabia Saudita.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS