Putin sospetta complotto politico dietro il calo del prezzo del petrolio

Putin sospetta complotto politico dietro il calo del prezzo del petrolio
Vladimir Putin, il presidente della Russia. ©plavevski - Shutterstock

Putin ha espresso i suoi sospetti in un'intervista con i principali media cinesi. Il calo del prezzo del petrolio penalizza fortemente la Russia.

CONDIVIDI

Il presidente russo, Vladimir Putin, sospetta che dietro il calo del prezzo del petrolio ci sia un complotto politico. "In certi momenti di crisi cresce l'impressione che la politica abbia un ruolo trainante nella determinazione dei prezzi delle risorse energetiche", ha dichiarato in un'intervista con i principali media cinesi prima del vertice APEC di Pechino. Putin non ha tuttavia incolpato alcun Paese, ne' spiegato come potrebbe funzionare un tale complotto politico.

Le quotazioni del Brent sono calate dai loro massimi di giugno di circa il 30%. Il calo del prezzo del petrolio pesa in particolar modo sulla Russia, visto il Paese dipende fortemente dalle esportazioni di greggio. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

L'economia russa ha già rallentato significativamente nei primi due trimestri dell'anno a causa dell'impatto della crisi ucraina. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) prevede che il Pil russo crescerà quest'anno di solo lo 0,2% ed il prossimo dello 0,5%.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption