Borse America Latina: Prevale il segno meno, San Paolo -1,4%

Seduta positiva solo per le borse di Lima e Bogotà. Città del Messico perde l'1,9%.

CONDIVIDI

La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso in ribasso.

Il Bovespa a San Paolo ha perso l’1,6% a 45.120,36 punti. Gli economisti interpellati dalla Banca Centrale del Brasile hanno tagliato ulteriormente le loro previsioni sul PIL nel 2015 e nel 2016. A pesare sono stati inoltre i timori legati alla situazione politica. JBS (BRJBSSACNOR8) ha perso il 7,7%. Secondo il quotidiano “Fohlha” la corte dei conti starebbe indagando sulla possibilità che la BNDES, la banca pubblica di sviluppo brasiliana, abbia perso fino a 848 milioni di real acquistando azioni dal maggiore produttore al mondo di carne ad un prezzo superiore a quello del mercato. Vale (BRVALEACNPA3) ha perso il 4,1%. Il governo brasiliano ha annunciato che chiederà risarcimenti fino 20 miliardi di real (oltre €4,9 miliardi) dopo che una diga di una miniera di ferro gestita dal gruppo minerario e da BHP Billiton (GB0000566504) ha ceduto sommergendo un distretto della città di Mariana. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) ha beneficiato della ripresa del prezzo del petrolio e ha guadagnato lo 0,9%. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

Tra gli altri indici dell'America l'IPC a Città del Messico ha perso l’1,9%, l'IPSA a Santiago del Cile l’1,7% e il Merval a Buenos Aires l’1,5%. Il General a Lima ha guadagnato lo 0,1% e il Colcap a Bogotà il 2%. L'IBC a Caracas è rimasto invariato.

Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption