Borsainside.com

Petrolio: Il colosso russo Rosneft contro tagli alla produzione

Petrolio: Il colosso russo Rosneft contro tagli alla produzione
Rosneft non vuole tagliare la sua produzione di greggio. © Shutterstock

Il presidente di Rosneft Igor Sechin dubita che alcuni membri dell'OPEC ridurranno la loro attività produttiva.

Rosneft (RU000A0J2Q06) non congelerà né taglierà la sua produzione nell’ambito di un possibile accordo con l’OPEC. Lo ha dichiarato Igor Sechin, il presidente del maggiore gruppo petrolifero russo.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

La notizia ha confermato quanto sia difficile per Mosca indurre le sue compagnie petrolifere a prendere parte ad un piano comune con l’OPEC per stabilizzare i prezzi del petrolio. Lunedì il presidente russo Vladimir Putin aveva dichiarato al Congresso Mondiale dell'Energia di Istanbul che il suo Paese era pronto ad aderire ad un piano per congelare o tagliare la produzione, senza tuttavia fornire alcun dettaglio.

“Perché dovremmo farlo?”, ha risposto Sechin ai giornalisti che gli chiedevano se Rosneft fosse pronto a mettere un tetto alla sua produzione. Sechin ha spiegato che dubita che alcuni membri dell’OPEC, come Iran, Arabia Saudita e Venezuela, taglieranno la loro produzione, indicando che un prezzo del barile superiore a 50 dollari renderebbe profittevoli i progetti di scisto negli Stati Uniti.

Rosneft produce circa il 40% del greggio russo. Non solo per questo motivo Sechin viene considerato il secondo uomo più potente del Paese.

Il Cremlino ha affermato che le dichiarazioni del numero uno di Rosneft non contraddicono la posizione di Putin. Il portavoce del presidente russo, Dmitry Peskov, ha dichiarato che la Russia è disposta a coordinare limiti alla produzione con l’OPEC se il cartello raggiungerà un accordo definitivo sulla sua offerta.

Intanto i prezzi del petrolio, che ieri hanno chiuso in ribasso, salgono sui mercati asiatici. Il Brent guadagna lo 0,5% a $52,66 al barile, mentre il WTI si apprezza dello 0,4% a $50,97 al barile.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS