Skin ADV

Investire sul petrolio, prezzi in aumento: preoccupa la crisi USA - Venezuela

petrolio

Le possibili sanzioni sul Venezuela incombono sulla stabilità del mercato del greggio.

I prezzi del greggio sono aumentati, con il barile WTI che attraversa la soglia di 50 dollari per la prima volta da maggio 2017 ad oggi, sulla scia delle aspettative che gli stock statunitensi andranno a estendere il loro declino. Ad ogni modo, bene non “fidarsi” troppo di tale segnale: le scorte statunitensi rimangono di circa 90 milioni di barili al di sopra della loro media dei cinque anni, e secondo quanto affermano gli ultimi dati forniti dall'amministrazione statunitense per l'energia (EIA), la produzione è comunque forte, con una produzione settimanale vicina al più alto livello dal luglio 2015.

🥇 Con AvaProtect fai trading senza preoccupazioni! Temi di perdere con una posizione? AvaTrade ti protegge…Riduci il rischio, aumenta i vantaggi. Scopri di piu’ ⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito >>

🥇 Con AvaProtect fai trading senza preoccupazioni! Temi di perdere con una posizione? AvaTrade ti protegge…Riduci il rischio, aumenta i vantaggi. Scopri di piu’ ⭐ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale con un account demo gratuito >>

Piuttosto, attualmente il mercato sembra essere seriamente preoccupato per la possibile introduzione di nuove sanzioni statunitensi al Venezuela. A partire da ieri, la probabilità implicita di un default venezuelano nei prossimi 12 mesi è salita al 62 per cento, per il livello più alto dal marzo 2016 ad oggi, con una probabilità implicita per i prossimi cinque anni che è invece salita al 95 per cento, secondo i dati CDS di Bloomberg.

Un simile scenario avrebbe naturalmente impatti molto profondi sul mercato del greggio e dei prodotti petroliferi americani, considerato che gli Stati Uniti sono importatori netti del greggio venezuelano, con importazioni mediate di circa 741.000 barili al giorno nel 2016, secondo i dati EIA, mentre il Venezuela è un importatore netto di prodotti petroliferi statunitensi. Secondo Bloomberg, il Venezuela ha pompato 1,97 milioni di barili al giorno a giugno, per il livello più basso degli ultimi 14 anni.

Nel caso di nuove sanzioni, i principali beneficiari di un divieto di importazione di greggio venezuelano e di esportazioni di prodotti petroliferi americani in Venezuela sarebbero gli altri membri dell'OPEC, che potranno facilmente aumentare le esportazioni di greggio verso gli Stati Uniti e le esportazioni dei prodotti petroliferi verso il Venezuela e la Cina, che potrebbero inoltre beneficiare di importazioni più economiche di greggio venezuelano.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Avatrade

Apri un conto demo gratuito con AvaTrade ✅ Ricevi 100.000 € di denaro virtuale per praticare la tua strategia di trading ⭐☎ Supporto vincente.

Approfitta dei nostri Expert Advisor e delle piattaforme di copy trading, oltre al trading sulle criptovalute 24/7. Con licenze di regolamentazione in 6 giurisdizioni, garantiamo un’esperienza di trading senza difficoltà.

AvaTrade è orgoglioso di essere partner globale del Manchester City, campioni della premier league 2018/19

DEMO GRATUITO