Borsainside.com

Investimenti petrolio, la Turchia spinge le quotazioni in alto

turchia

Le azioni turche contribuiscono a sostenere le quotazioni del petrolio.

Sebbene sottovalutato rispetto ad altre determinanti più ricorrenti, c’è un motivo di fondo piuttosto importante che sta contribuendo a supportare le quotazioni del petrolio, infondendo discreto ottimismo sul mantenimento dei prezzi del barile sopra quota 50-52 dollari.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Il riferimento è alle minacce formulate dal presidente turco Erdogan, che ha dichiarato di poter valutare di bloccare l'export petrolifero dal Kurdistan (una regione situata tra Turchia e Iraq), a causa del referendum per l'indipendenza.

Ricordiamo che secondo le ultime stime le riserve della regione sono stimate in circa 45 miliardi di barili e che il loro sfruttamento è legato all'oleodotto che trasporta circa 550.000 barili al giorno fino al porto di Ceyhun in Turchia e al valico di Habur, dove transitano una media di 1.700 Tir al giorno.

Non è chiaro quanto possano essere assunte in concretezza simile minacce, ma intanto Iraq e altre nazioni hanno ricevuto l’invito esplicito della Turchia a interrompere gli acquisti di greggio estratto dai curdi.

Ad ogni modo, almeno per il momento gli operatori non stanno segnalando interruzioni nei flussi nell’oleodotto Kirkuk-Ceyhan, né nelle condutture che lo collegano ai pozzi dell’Iraq settentrionale. Attenzione però al prossimo futuro. Non è affatto escluso che la situazione possa cambiare e lo possa fare anche in maniera repentina, sebbene Ankara difficilmente rinuncerà senza un pizzico di sofferenza alle tariffe di transito nella pipeline e ai barili curdi, che in parte consuma direttamente.

Qualche giorno fa il quotidiano economico finanziario Il Sole 24 Ore rammentava che la probabilità che i turchi chiudano davvero le valvole è comunque intorno al 20%, per un’analisi condotta dalla società Verisk Maplecroft, operante nella consulenza specializzata nell’analisi dei rischi.

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS