Borse dell'America Latina: San Paolo +1,9%, Città del Messico +0,6%

CONDIVIDI
Le borse dell'America Latina hanno chiuso contrastate.

Il Bovespa a San Paolo ha guadagnato l'1,9% a 55.049,03 punti. Il numero degli occupati nel settore industriale brasiliano è sceso ad aprile per il secondo mese di fila. La notizia ha fatto aumentare la speculazione su un ulteriore allentamento della politica monetaria in Brasile. La Borsa di San Paolo ha beneficiato inoltre della positiva performance di Wall Street. Tra i bancari Banco Bradesco (BRBBDCACNPR8) ha guadagnato l'1,7% e Itau Unibanco (BRITAUACNPR3) l'1,7%. Nel settore immobiliare Gafisa (BRGFSAACNOR3) ha guadagnato l'1,9% e PDG Realty (BRPDGRACNOR8) il 2,8%. Nel settore retail Grupo Pao de Acucar (BRPCARACNPR0) ha guadagnato il 3,2% e Lojas Americanas (BRLAMEACNPR6) il 3,3%. Nel settore dell'acciaio Companhia Siderúrgica Nacional (BRCSNAACNOR6) ha chiuso in rialzo dello 0,3% e Gerdau (BRGGBRACNPR8) del 3,4%. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) ha guadagnato l'1,1%. Il prezzo del petrolio ha chiuso a New York in rialzo dello 0,8%. Vale (BRVALEACNPA3) ha guadagnato il 2,3%.

Tra gli altri indici del continente sudamericano l'IPC a Città del Messico ha guadagnato lo 0,6% e l'IBVC a Caracas lo 0,3%. L'IPSA a Santiago del Cile ha perso lo 0,6%, il General a Lima lo 0,1%, il Merval a Buenos Aires lo 0,1% e il Colcap a Bogotà l'1%.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro