Borse dell'Europa dell'Est: Chiusura contrastata, Mosca -0,6%

Le principali borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso anche oggi contrastate.

L'indice RTS ha perso a Mosca lo 0,6% a 1.610,23 punti. I volumi di scambio sono aumentati solo leggermente rispetto a ieri e sono rimasti a dei bassi livelli. Le sorti del mercato azionario russo restano strettamente legate all'andamento delle quotazioni delle materie prime. Il prezzo del rame è tornato oggi a scendere a Londra. Il prezzo del petrolio si è inoltre indebolito nel pomeriggio a New York. Tra i titoli del listino russo Bashneft (RU0007976957) ha perso il 3,8% e Sberbank (RU0009029540) l'1%. Gazprom (RU0007661625) ha chiuso a San Pietroburgo in ribasso dell'1% a RUB 174,99.

Il BUX a Budapest ha guadagnato l'1% a 24.042,24 punti. La fiducia dei consumatori è salita questo mese in Ungheria ai suoi più alti livelli dal maggio del 2006. Tra i titoli di maggior peso del BUX OTP Bank (HU0000061726) ha guadagnato l'1,8%, Gedeon Richter (HU0000067624) lo 0,5% e Magyar Telekom (HU0000016522) l'1,7%. MOL (HU0000068952) ha chiuso invariato.

Il PX a Praga ha guadagnato lo 0,3% a 1.288,00 punti. La seduta è stata tranquilla e priva di spunti particolari. Tra i titoli principali del listino ceco Komercni Banka (CZ0008019106) ha guadagnato l'1% e Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) lo 0,1%. Telefónica O2 C.R. (CZ0009093209) e Erste Group Bank (AT0000652011) hanno chiuso invariati.

Il WIG a Varsavia ha perso lo 0,6% a 43.217,79 punti. BRE Bank (PLBRE0000012) ha perso l'1,6%. ING ha declassato il titolo della banca polacca da "Hold" a "Sell". Il calo del prezzo del rame ha pesato su KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017). Il titolo dell'impresa mineraria polacca ha chiuso in calo del 3%. Asseco Poland (PLSOFTB00016) ha registrato una ripresa ed ha guadagnato il 2%.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS