La Borsa di Mosca va a picco, RTS -4,4%

Tutte le principali borse dell'Europa dell'Est hanno chiuso anche oggi in ribasso.

L'indice RTS ha perso a Mosca il 4,4% a 1.264,29 punti. I volumi di scambio sono aumentati fortemente rispetto a ieri e sono stati alti. Gli investitori hanno ridotto oggi massivamente la loro tendenza al rischio a causa dell'aumento delle probabilità di un'uscita della Grecia dall'euro. I prezzi delle materie prime sono andati di conseguenza a picco. Il prezzo del petrolio, che ha una forte importanza per la Russia, è affondato al di sotto di $90 al barile. Sberbank (RU0009029540) ha perso il 3,4%, LUKoil (RU0009024277) il 2,3%, Tatneft (RU0009033591) l'8,7% e Mosenergo (RU0008958863) il 16,2%. Gazprom (RU0007661625) è rimbalzato ed ha guadagnato a San Pietroburgo il 10,6% a RUB 143,57.

Il BUX a Budapest ha perso il 3,1%, il PX a Praga lo 0,5% e il WIG a Varsavia il 2,5%.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X