Le borse dell’Europa dell’Est crollano, panico a Mosca e a Budapest

Un laptop mostra un grafico

Tutte le principali borse dell’Europa dell’Est hanno chiuso oggi per la quarta seduta di fila in forte ribasso.

L’indice RTS ha perso a Mosca il 5,6% a 1.369,91 punti. I volumi di scambio sono aumentati rispetto a ieri e sono stati alti. Sempre più investitori temono che la Grecia possa diventare una nuova Lehman Brothers e stanno riducendo la loro esposizione al rischio. I capitali stanno uscendo di conseguenza massivamente dai paesi emergenti. Una nuova crisi finanziaria dovrebbe infatti penalizzare in particolar modo le loro economie. Le vendite alla Borsa di Mosca sono state in particolar modo elevate anche a causa del crollo del prezzo del petrolio. Le quotazioni del greggio sono cadute nel pomeriggio a New York al di sotto di quota $75. Tra i titoli del listino russo Rosneft (RU000A0J2Q06) ha perso il 7,3%, Bashneft (RU0007976957) l’11,8%, Gazprom (RU0007661625) il 5%, Norilsk Nickel (RU0007288411) il 3,4%, Raspadskaya (RU000A0B90N8) il 9,4% e Sberbank (RU0009029540) il 4,9%.

Il BUX a Budapest ha perso il 6,4% a 21.423,66 punti. Tutte le blue chips ungheresi sono andate a picco. OTP Bank (HU0000061726) ha perso il 7,2%, Magyar Telekom (HU0000016522) il 4,9% e MOL (HU0000068952) il 6%. Gedeon Richter (HU0000067624) ha chiuso in ribasso del 7,8%. L’utile della prima impresa farmaceutica dell’Europa orientale è calato nel primo trimestre del 47%.

Il PX a Praga ha perso il 2,9% a 1.146,60 punti. Quasi tutti i titoli del listino ceco hanno chiuso in ribasso. Erste Group Bank (AT0000652011) ha perso il 6%, Komercni Banka (CZ0008019106) il 2,5%, NWR (NL0006282204) il 5,1% e Ceske Energeticke Zavody (CZ0005112300) lo 0,6%, Telefónica O2 C.R. (CZ0009093209) ha beneficiato del suo carattere difensivo ed ha guadagnato lo 0,1%.

Il WIG a Varsavia ha il 2,6% a 39,923,58 punti. Tutti i venti titoli di maggior peso del listino polacco hanno chiuso in ribasso. Tra i bancari hanno chiuso contrastati. Bank Pekao (PLPEKAO00016) ha l’1,3%, PKO Bank Polski (PLPKO0000016) il 4,3%, BZW Bank (PLBZ00000044) il 4,1% e BRE Bank (PLBRE0000012) l’1,8%. Tra i titoli dei produttori di materie prime Lotos (PLLOTOS00025) ha perso il 3,2%, PKN Orlen (PLPKN0000018) il 3,4% e KGHM Polska Miedz (PLKGHM000017) il 2%.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Mercati Emergenti

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.