etoro

Le borse di San Paolo e Città del Messico chiudono in forte ribasso

La maggior parte delle borse dell'America Latina ha chiuso ieri in ribasso.

Il Bovespa a San Paolo ha perso il 2,6% a 69.863,58 punti. Sul mercato azionario brasiliano ha pesato il forte calo dei prezzi delle materie prime. La Cina ha alzato a sorpresa i suoi tassi d'interesse. La notizia ha fatto aumentare i timori del mercato relativi alle prospettive della congiuntura mondiale. Nel settore dell'acciaio Companhia Siderúrgica Nacional (BRCSNAACNOR6) ha perso l'1,9%, Gerdau (BRGGBRACNPR8) il 3,7% e Usiminas (BRUSIMACNPA6) il 2,4%. Vale (BRVALEACNPA3) ha chiuso in calo del 2,1%. I prezzi dei metalli di base sono scesi sensibilmente ieri sia a Londra che a New York. Petroleo Brasileiro (BRPETRACNPR6) ha chiuso in ribasso del 4,2%. Il prezzo del petrolio ha perso ieri a New York il 4,3%.
BM&F Bovespa (BRBVMFACNOR3), il titolo della società che gestisce la Borsa di San Paolo, ha perso il 3,2%. Il Governo brasiliano ha alzato alcune imposte sui capitali in entrata con l'obiettivo di frenare l'apprezzamento del real.

L'IPC a Città del Messico ha perso l'1,3% a 34.452,21 punti. Tra le blue chips messicane América Móvil (MXP001691213) ha perso l'1,2%, Grupo Mexico (MXP370841019) il 3,2% e Wal-Mart de Mexico (MXP810081010) lo 0,3%. Dopo le perdite delle scorse sedute Cemex (MXP225611567) ha registrato una lieve ripresa e ha guadagnato lo 0,3%.

Tra gli altri listini del continente sudamericano il Merval a Buenos Aires ha perso lo 0,8%, l'IBVC a Caracas lo 0,1% e il General a Lima il 3%. L'IPSA a Santiago del Cile e il Colcap a Bogotà hanno guadagnato rispettivamente lo 0,4% e l'1,3%.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS